L’Accademia Italiana Chef riapre i battenti nel segno della solidarietà

I piatti realizzati dagli allievi verranno donati ad associazioni benefiche

1593283226Copertina.jpg

Formare i professionisti del futuro e, al contempo, fornire un valido supporto alle fasce più colpite dalla crisi economico-sanitaria in corso. Questo l’ambizioso obiettivo concepito dall’Accademia Italiana Chef (scuola di cucina professionale con sedi in tutta Italia) per la ripartenza dopo lo stop forzato nel periodo del lockdown.

cms_18068/Foto_1.jpg

Ciò è reso possibile dal consueto affiancamento di esercitazioni pratiche alle lezioni teoriche, che vedono gli allievi mettere in campo ricette dall’alto valore culinario; i piatti vengono poi distribuiti alle associazioni di volontariato che si occupano dei più bisognosi. Il programma coinvolgerà tutti coloro che aderiranno ai programmi formativi dei Corsi per Chef, Cuoco, Pasticcere e Pizzaiolo. L’Accademia Italiana Chef ha già stretto collaborazioni per la donazione di pasti con il Convento di San Giacomo Maggiore di Bologna, l’Organizzazione Pro.Civi.Co.S. di Milano, la Misericordia di Empoli e la Parrocchia di San Pier Damiani di Roma.

cms_18068/Foto_2.jpg

L’iniziativa è stata accolta con grande entusiasmo dagli allievi della scuola, felici di poter fornire attivamente il proprio contributo per il superamento di una fase tanto delicata per il nostro paese. Il cibo è fonte di aggregazione sociale, oltre che il bene primario per il soddisfacimento dei bisogni fisiologici. Le realtà caritative che hanno trovato nella scuola di cucina un supporto di estrema qualità, professionalità e serietà che permette loro di portare avanti le loro azioni benefiche con successo.

Massimo Favia

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos