ITALIANI, POPOLO DI INVIDIOSI E CRITICONI

ITALIANI_POPOLO_DI_INVIDIOSI_E_CRITICONI.jpg

Milano ospita in viale Gae Aulenti lo store di Chiara Ferragni, la bionda che tutto il mondo ci invidia. Arrivano da Paesi lontani per visitare il negozio, magari comprare un gadget e farsi un selfie davanti all’insegna intitolata alla famosa blogger. Perciò, il polverone sollevato dalla collaborazione della Ferragni con l’azienda marcata Evian è decisamente fuori luogo. Quegli 8 euro a bottiglia rappresentano semplicemente il brand, nulla di più. Soprattutto se pensiamo che, solitamente, i costi medi dell’acqua Evian si aggirano intorno a quel prezzo. E’ acqua di lusso, punto.

cms_10537/2.jpg

Un modus, quello della Ferragni, valutato parecchio al di fuori dei confini italiani e svalutato qui da persone che criticano senza cognizione di causa. Il made in Italy viene venduto a peso d’oro nel resto del pianeta perché da sempre piace e fa tendenza. Non a caso è ambito da molti e, spesso, copiato e falsificato. Se nomini l’Italia, parli di moda, cibo, cultura e paesaggi. Insomma, la Penisola è una bellezza rara e unica al mondo! Noi italiani però, vivendoci quotidianamente, non comprendiamo il senso di ciò che abbiamo e, ultimamente, svendiamo anche l’anima pur di racimolare qualche soldo. Così Versace ci saluta ed è l’ultima cessione di una lunga serie di marchi italiani, cominciata più di un ventennio fa. Forse l’italiano medio non lo sa, ma Gucci, Valentino e Ferrè si trovano attualmente in mani straniere. Che dire della Edison e della Telecom? Stessa sorte. Più di 50 le aziende parecchio conosciute che ci hanno abbandonato. Certamente rappresentano ancora il made in Italy, tuttavia l’Italia ne guadagna ben poco.

cms_10537/3.jpg

Urge sicuramente una riflessione approfondita non tanto sulla vendita dell’Italia, quanto sulla mancanza di ambizione da parte dei cittadini italiani. Finché si tratta di beni individuali, prevale a oltranza l’egoismo. Quel “magna magna” tipicamente italiano per cui arraffare è meglio che lasciare all’altro. Quando si parla di patrimonio comune, invece, partono solo critiche condite da frustrazione e commenti negativi. Senza accorgersi che, criticando l’incapacità del Paese, non fai altro che criticare te stesso/a e gli altri cittadini. Se in Italia riesci a far carriera e a raggiungere l’apice come la Ferragni, anziché ricevere complimenti, vieni sbeffeggiato, insultato e, addirittura, diffamato. Pare quasi che valga maggiormente l’imbroglio che il risultato raggiunto con merito. Colpa dell’invidia? Certo. Ammettiamolo: siamo un popolo di invidiosi e frustrati e, spesso, esigiamo la perfezione altrui dimenticando di far bene il nostro lavoro. Preferiamo svalutare piuttosto che valorizzare perché, semplicemente, non abbiamo voglia di fare qualcosa di più costruttivo. E quando qualcuno ce la fa, ci rode dentro.

Alessia Gerletti

Tags:

Lascia un commento

Patrizio Pesce

Chiara Ferragni, attualmente, rappresenta, in tutto e per tutto, l’INTERA IMPRENDITORIA ITALIANA, non conosce né avversari, né avversarie ed in più rappresenta un vero orgoglio per la nostra Nazione. Non credo proprio che esista una donna così CREATIVA,INTELLIGENTE,ELEGANTE,MODERNA,INGEGNOSA,FANTASIOSA,LAVORATIVA ed a tutto tondo (diciamo a 360°). Chiara rappresenti il nostro orgoglio nazionale....COMPLIMENTI DI CUORE!...
Commento del 16:19 18/01/2023 | Leggi articolo...

Anna

È vero! Siamo anche molto giustizialisti soprattutto nei confronti dei più deboli....
Commento del 02:59 15/01/2023 | Leggi articolo...



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram