VISHING SU TIK TOK

Quando una truffa per estorcere dati si trasforma in uno scherzo: cos’è e come difendersi?

1657855105VISHING_SU_TIK_TOK.jpg

cms_26787/1.jpgSu Tik Tok si sta recentemente diffondendo uno scherzo che consisterebbe nel chiamare al telefono degli amici o sconosciuti per informarli di una somma in denaro che sta per essere depositata sul loro conto corrente, chiedendo appunto informazioni dettagliate in merito ai propri dati e rapporti bancari. Quello che per gli utenti ed i creators del noto social è nulla di più che uno scherzo, sarebbe in realtà la riproduzione esatta di un perfetto schema Vishing. Quest’ultimo sarebbe infatti un tipo di truffa simile al più noto phishing, che consiste nel convincere le persone a rivelare informazioni personali e dati bancari tramite telefono. I video di questo tipo mostrano tutta la chiamata, facendo ascoltare alla vittima dall’altro capo della cornetta la voce di una finta segreteria telefonica, adoperando nella maggior parte dei casi software di sintesi vocale come il più comune Google Translator e incentrando la conversazione al fine di carpire i dati bancari utili all’accredito.

cms_26787/3.jpg

Ovviamente i video presenti su Tik Tok sono soltanto scherzi mirati a divertire o intrattenere l’utente senza secondi loschi fini, ma dando per buono che la maggior parte di essi siano veri e non artefatti, il risultato fa pensare a quanto le persone siano fragili anche solo dietro una cornetta telefonica. Secondo Kaspersky, che ha individuato questa nuova truffa, tra marzo e giugno del 2022 sono state raccolte circa 350.000 email di vishing con una crescita esponenziale nel mese di giugno (quasi 100.000 in totale).

cms_26787/2_1657854845.jpg

Inoltre, il report fornito dagli esperti di Kaspersky evidenzia anche che rispetto ad un nomale phishing via email, dove le persone hanno il tempo di riflettere prima di farsi convincere a cliccare determinati link, al telefono le cose cambiano: la quotidiana attività lavorativa e un dialogo realistico e dal carattere di urgenza posso facilmente farci cadere nella trappola.

cms_26787/4.jpg

Infine, per tutelarsi dagli attacchi Vishing, i consigli sono sostanzialmente gli stessi già noti anche per il phishing: usare una VPN; ricordare che nessuna azienda legittima contatterà o si farà contattare per scambiare vocalmente al telefono dati sensibili per risolvere un certo problema; verificare il numero del mittente o l’indirizzo facendo un controllo su Internet in caso di dubbi.

Francesco Maria Tiberio

Tags:

Commenti per questo articolo

[*COMMENTI*]

<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos