VIAGGIO IN SICILIA

Con… Antonello Di Carlo

1620614001VIAGGIO_IN_SICILIA.jpg

cms_21836/2.jpgScrittore siciliano colto e raffinato Antonello Di Carlo ricopre ruoli di primo piano in molti contesti culturali nazionali e internazionali. I suoi saggi e le sillogi (7) sono tradotti anche in inglese. Il percorso accademico in studi giuridici (è laureato in giurisprudenza) non ha depotenziato la formazione classica. Di sé dice amo la letteratura, la poesia, la filologia, la filosofia, la storia, le lingue e, soprattutto, scrivere. Nel farlo non ho regole e non seguo canoni, seguo il mio cuore, non le mode e le tendenze, e, di riflesso, in base alla mia ispirazione del momento, mi muovo con piacevole agilità tra versi e prosa, tra romanzi e saggi, tra storia e presente. Scrivere per me è il più potente mezzo di espressione e di approccio con il mondo, e, i miei libri, sono una sorta di treno con cui cerco di condurre i lettori, miei atipici passeggeri, nel viaggio meraviglioso e straordinario alla scoperta del mio mondo, delle mie emozioni e dei miei sogni.

“La scrittura non è magia ma, evidentemente, può diventare la porta d’ingresso per quel mondo che sta nascosto dentro di noi. La parola scritta ha la forza di accendere la fantasia e illuminare l’interiorità”.(Citazione apocrifa).

(Antonella Giordano)

cms_21836/1.jpgL’opera “Viaggio in Sicilia” di Antonello Di Carlo si pone sicuramente come un doppio omaggio: uno all’autore molto amato e al suo Gran Tour in Sicilia, Goethe, l’altro alla sua (nostra) terra, rivissuta nostalgicamente dall’autore, presentata già nell’ode iniziale dell’articolato testo con tutta la sua ricca storia e le tante genti che “nel misericordioso grembo ha avvolto come un genitore accorto, genti a cui ha rubato il cuore e la mente”, per cui alla fine sembra essere proprio la Sicilia la conquistatrice dello straniero: una terra, insomma, che accoglie tutti e non manda via nessuno e la mente va inevitabilmente anche alle vicende dei nostri tempi.

Una storia ricca quella della Sicilia, rivissuta attraverso le immagini dei segni, una storia ripercorsa interamente nell’ode introduttiva, fino all’attualità non sempre all’altezza del prestigioso passato, con lo scopo, ma anche con il dubbio, di poter smuovere le coscienze e l’umana memoria.

cms_21836/3.jpg

Presente, nel corso dell’intera opera, una venatura malinconica per essere andato via, per avere abbandonato la sua terra e per il timore che il riscatto “come un boato per l’umanità arriverà quando sarà già ossa e cenere”. Resta l’esortazione ai conterranei a far brillare nuovamente la terra, come è accaduto per millenni, perché è proprio in Sicilia che si trova la chiave di tutto, citazione che ricorre nel corso del libro.

cms_21836/4.jpg

Due piani, dunque: omaggio alla propria terra e omaggio a Goethe. E da lontano Di Carlo ripercorre la sua terra in due diversi Gran Tour, che dividono implicitamente l’opera in due parti: il viaggio di Goethe e quello personale, accomunati dall’immaginazione e dalla memoria. Ma se nella prima parte del libro, Di Carlo, assumendo le vesti di Goethe ne ripercorre il Tour, è sicuramente diverso lo stato d’animo: per lui non è solo un’esperienza di ricerca della bellezza in luoghi nuovi, non è solo un’esperienza storico-culturale-estetica; si tratta piuttosto di un “ritorno”, seppure immaginario, nella propria terra, un nostalgico viaggio nei luoghi delle sue origini. E la nostalgia, etimologicamente, è un dolore, un dolore che nasce dal desiderio di qualcosa che si avverte come perduto, di un luogo in cui si vuole ritornare, un nostos, il ritorno a casa dopo un lungo viaggio. Quindi, Di Carlo, come Ulisse, torna a casa e lo fa attraverso le tappe dell’autore da lui più amato e che ha letto in lingua originale, Goethe appunto, nella prima parte, mentre nella seconda parte rende omaggio alla sua terra attraverso la memoria dei suoi viaggi, dei suoi paesi e attraverso elementi che assumono valore simbolico, come l’Abies nebrodensis o i vini pregiati, vini come arte, come pittura e musica, che raccontano una terra, quella dove fioriscono i limoni.

cms_21836/5.jpg

Lo stesso Di Carlo, nella prefazione, parla del suo Viaggio in Sicilia come di un’avventura, esperienza avvincente ma nello stesso tempo irta di rischi e pericoli, un modo per uscire anche dalla monotonia della vita quotidiana che spesso tende ad appiattirci verso lo scontato e il banale ritmo delle nostre attività per lanciarsi in un’esperienza estetica, ma soprattutto spirituale. Se Goethe si è ‘avventurato’ nel Gran Tour seguendo una moda del suo periodo, per un’esperienza che lo elevasse dalla sua quotidianità, per staccarsi da una situazione sentimentale soffocante, per il desiderio di conoscere direttamente l’ellenismo, la romanità, l’archeologia, in Di Carlo prevale il desiderio del nostos e la volontà di completare il viaggio di Goethe e di ripercorrere le sue personali esperienze.

L’opera si presenta, tecnicamente, come un prosimetro, in cui vengono alternate prosa e poesia: la prima ha lo scopo di presentare, anticipare e sintetizzare ciò che verrà evocato nelle parti in versi, che in genere seguono il ritmo dell’ode, strizzando l’occhio al poema, soprattutto nella parte proemiale, in cui, ormai nelle vesti di Goethe, avviene la presentazione e l’invocazione. Il verseggiare è arioso, senza schemi rigidi, giocato soprattutto nei reciproci richiami e rimandi di rime, assonanze e consonanze, volte a sottolineare parole e concetti chiave. Anche il linguaggio utilizzato è libero, alternando ad un registro colloquiale momenti di eleganza e raffinatezza, in un equilibrio che rende la lettura agevole e coinvolgente. L’intento poetico è di evocare i suoni, gli odori, i colori dei quali già Goethe era informato, con la collaborazione di Kniep (disegnatore e pittore tedesco) e portando con sé il resoconto del viaggio di Riedesel (viaggiatore, diplomatico, ministro tedesco che su indicazione di Winchelmann aveva già visitato il sud dell’Italia e la Sicilia), lasciando importanti annotazioni. E così, come viene detto nell’anticipazione del viaggio, nell’ambito del Gran Tour di Goethe, la destinazione siciliana ha un fascino che non ha nulla a che vedere con l’Italia del nord, perché la Trinacria, al centro del Mediterraneo, è la culla dell’ellenismo italico e la madre del mito, Isola Magna.

cms_21836/6.jpg

Inizia, quindi, il racconto in versi (con relative parti in prosa) del viaggio di Goethe in Sicilia, a partire dalla meraviglia destata dall’arrivo a Palermo il 2 aprile 1787: la bellezza del luogo suscita in lui un vero e proprio innamoramento che lo accompagnerà per tutto il viaggio fino al desiderio leopardiano di Goethe/Di Carlo di naufragare sulle marine onde con dolcezza. Dall’approdo e per tutto il Tour c’è un’ammirazione della bellezza dei luoghi, di paesaggi, dei tramonti, delle architetture, delle vedute dei luoghi del mito. La Sicilia vissuta come gemma splendente secondo la definizione che ne diede Idrisi. Dopo Palermo, Bagheria, Monreale, Alcamo, Segesta, Castelvetrano, Selinunte, Sciacca e poi Agrigento. Da Agrigento non ci sarà la partenza per Siracusa e Ragusa, ma la deviazione verso il centro dell’isola, verso Nissa e Castrogiovanni (Caltanissetta e Enna), alla scoperta di quello che era stato il granaio di Roma. Viaggio non certo agevole, ma la scoperta di luoghi diversi e di un’altra Sicilia (molto diversa da quella costiera) si rivelò un’esperienza importantissima. Seguono le tappe immaginate da Di Carlo, ma mai realizzate da Goethe, di Ragusa e Siracusa e, infine, con il ritorno all’effettivo Tour del poeta tedesco, Catania, Etna, Aci Castello, Taormina, Messina. Il 14 maggio 1787 partenza alla volta di Napoli. Che cosa porterà con sé Goethe e che cosa porta con sé Di Carlo:

“…L’alloro, il mirto, i mandorli e i fichi

I templi, gli anfiteatri, le ville e i castelli

Indimenticabili tramonti su siti antichi

Dolcemente hanno accompagnato i momenti più belli…”

(Servizio fotografico a cura di Giorgio Gambino)

Rosalba Gallà

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos