Universo Netflix

Entro la fine anno vicini alla trasmissione offline

Universo_Netflix.jpg

In casa Netflix, il gigante a stelle e strisce nella distribuzione via internet di film, serie televisive e altri contenuti d’intrattenimento, sembra ormai certa una piccola grande rivoluzione.Nata il 14 settembre 1997, la sua attività consisteva nell’offrire DVD e videogiochi a noleggio.I suoi clienti prenotavano i dischi via Internet, ricevendoli direttamente a casa a mezzo posta.Dal 2008 la svolta vincente, con l’attivazione del servizio di streaming on demand accessibile tramite web con apposito abbonamento.In capo a qualche anno l’azienda è diventata il riferimento assoluto del settore, sia in termini di qualità tecnica che per la scelta dei contenuti.Un gigante dell’entertainment on line, disponibile praticamente sull’intero globo, attivo in oltre 190 paesi con un numero di ben 81 milioni di utenti abbonati.Un espansione vertiginosa che può contare su un fatturato di 1,96 miliardi di dollari nell’anno corrente.Cifre da capogiro, non c’è che dire.

cms_4729/foto_2.jpg

Gli spettatori possono guardare Netflix praticamente su tutti i dispositivi connessi a Internet, quali PC, tablet, smartphone, Smart TV, console per videogiochi.Il servizio fornisce automaticamente la migliore qualità di streaming in base alla larghezza di banda disponibile.Come detto, serie tv e film, molti dei quali prodotti originali Netflix, disponibili in alta definizione full HD e con audio surround multicanale codificato in Dolby Digital a 5.1.L’abbonamento top, il “premium” prevede fino a quattro dispositivi associati contemporaneamente e l’adozione dello streaming nel recente Ultra HD 4K, qualora il programma sia stato nativamente ripreso in tale altissima risoluzione pari a 3840 x 2160 pixel.Gli utenti possono guardare tutto ciò che vogliono in ogni momento, interrompendo la visione, riprenderla, mettere in pausa, il tutto a piacimento e ovviamente senza pubblicità.Per annullare la sottoscrizione, nulla di più facile, basta un semplice “clik”.

cms_4729/foto_3.jpg

Arrivata in Italia da quasi un anno, il prossimo 22 ottobre spegnerà la sua prima candelina, la piattaforma di streaming ha saputo conquistare una consistente fetta di pubblico anche nel nostro paese.A differenza di parte della concorrenza presentava una mancanza che, a detta dei più, era un vero e proprio difetto, l’impossibilità della trasmissione offline, ossia poter scaricare i contenuti sui dispositivi per renderli fruibili anche in assenza di connessione.Si pensi ad esempio all’importanza di tale funzione quando siamo in viaggio e si disponga di poca o nulla copertura di rete. Di fatto, in una tale circostanza, il servizio diventerebbe inutilizzabile perchè basato sul solo online, sullo streaming attivo in tempo reale.Oppure di come, in assenza di una connessione wi-fi, la visione su rete mobile LTE 4G possa letteralmente divorare i giga del nostro piano tariffario in un baleno!Sembra finalmente che le cose siano destinate a cambiare.Netflix sarebbe vicino alla trasmissione offline.Secondo indiscrezioni provenienti dall’industria dello streaming, la piattaforma sarebbe al lavoro per introdurre la possibilità di scaricare film e serie TV sui dispositivi degli iscritti entro la fine dell’anno.

cms_4729/foto_4.jpg

Nonostante Reed Hastings, il CEO di Netflix, abbia da sempre mostrato riluttanza verso questa feature, negli ultimi mesi avrebbe però più volte lasciato intendere di aver cambiato idea, passando dalla convinzione che una simile circostanza non si potesse mai realizzare ad un approccio invece molto più possibilista.Rumors in tal senso,provenienti da realtà di settore, si sono moltiplicati ultimamente, avvalorando tale evenienza, sebbene conferme ufficiali allo stato non ve ne siano...E’ verosimile che anche il colosso americano stia per adottare la funzione per rimanere al passo della concorrenza. Tale possibilità è attiva in piattaforme analoghe quali Canal+ in Francia, o Amazon, e da pochi giorni anche su Sky Italia con il servizio Sky Go Plus, mentre YouTube lo permette con il suo abbonamento denominato Red.L’eventuale arrivo di questa implementazione dovrà necessariamente ottenere il via libera dei detentori dei contenuti.Per questo si ipotizza che, almeno in una fase iniziale, l’offline potrebbe riguardare solo i programmi prodotti in casa, quali “Narcos”,The Stranger Things”o “ Daredevil” per fare un esempio, estendendosi nel tempo all’intero catalogo.Il concetto di televisione “fai da te” è la rivoluzione dell’intrattenimento casalingo del nuovo millennio.Ormai gli spettatori sono sempre più parte attiva del contesto, assurgendo al ruolo di coloro che plasmano l’offerta in base a proprie esigenze. Non più soggetti passivi sottomessi a logiche dettate da palinsesti e rigidi orari di visione.Quei tempi si fanno sempre più lontani, retaggio di una visione generalista destinata all’oblio.

Massimo Lupi

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram