USA: “C’È LA RUSSIA DIETRO ATTACCO HACKER AL GOVERNO”

Dichiarazioni molto pesanti di Mike Pompeo, che punta il dito contro Mosca. Trump rilancia: “potrebbe essere stata la Cina”

1608409828COPERTINA.jpg

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha dichiarato che la Russia è molto probabilmente dietro il massiccio attacco informatico che ha colpito gli Stati Uniti negli ultimi mesi. "È stata un’impresa molto importante e credo che ora possiamo dire abbastanza chiaramente che sono stati i russi a impegnarsi in questa attività", ha detto Pompeo, effettuando così una dichiarazione sicuramente di non poco conto. L’attacco hacker subito dal governo americano è stato definito da diversi media come uno dei più gravi di sempre, avendo colpito, tra gli altri, il dipartimento dell’Energia, che è responsabile della gestione delle armi nucleari, il Pentagono e i dipartimenti del Tesoro e del Commercio. "L’attacco è senza precedenti e ancora in corso", ha detto il presidente repubblicano della Commissione del Senato sull’intelligence, Marco Rubio. Non è ancora chiaro quali informazioni siano state effettivamente violate.

cms_20376/FOTO_1.jpg

La smentita di Mosca riguardo le dichiarazioni di Pompeo non si è fatta attendere, come era ovvio. Tuttavia, questa volta, la Russia ha dalla sua un alleato piuttosto importante: Donald Trump in persona. Infatti, il Presidente USA uscente ha di fatto smentito il proprio Segretario di Stato (il che è di per sé una notizia, dato che i due sono sempre apparsi piuttosto in sintonia), alzando ulteriormente l’asticella come ci ha abituati, e puntando il dito contro la Cina in un Tweet: "Il cyber attacco è più grande nelle Fake news di quanto non lo sia nella realtà”, ha affermato il tycoon, “Sono stato informato e tutto è sotto controllo. Russia, Russia, Russia è il canto che si leva quando accade qualsiasi cosa perché i media sono pietrificati dal valutare la possibilità che sia stata la Cina (e potrebbe esserlo)".

cms_20376/FOTO_2.jpg

Non sono ancora pervenuti commenti dal governo di Pechino. Intanto, emerge la notizia che l’Amministrazione Trump intende chiudere gli ultimi due consolati americani in Russia, quello di Vladivostok e quello a Yekaterinburg. Lo scrive la Cnn, sottolineando che così resterebbe solo l’ambasciata americana a Mosca come rappresentanza diplomatica in Russia. Un’altra bella gatta da pelare per la futura amministrazione Biden, che si ritroverà a dover gestire un Paese devastato dalla pandemia, con delle tensioni sociali che non si vedevano da decenni, un attacco cibernetico tra i più grandi di sempre in pieno svolgimento e i rapporti con due delle principali potenze mondiali ridotti ai minimi termini. Nel frattempo, nonostante la sicurezza mostrata da Pompeo, le responsabilità delle violazioni dei sistemi informatici statunitensi sono ancora tutte da chiarire.

Giulio Negri

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos