UN BUON BARI REGALA TRE PUNTI AL FRANCAVILLA E SI ALLONTANA DALLE PRIME

CORNACCHINI: “ORA NON SO COSA ACCADRÀ, MA SONO ARRABBIATO PER LA SCONFITTA IMMERITATA”

1.jpg

Si ferma a “due” il numero di vittorie consecutive in trasferta per il Bari. A Francavilla, infatti, i biancorossi perdono 1-0 per quella che è la prima sconfitta esterna del campionato (la seconda in totale dopo quella maturata al San Nicola contro la Viterbese). Una sconfitta amara ed immeritata che di fatto allontana la squadra biancorossa dal vertice della classifica. Un risultato inaspettato per quanto visto in campo contro una squadra che non aveva ancora mai vinto in campionato e che, nelle precedenti due partite casalinghe, aveva ottenuto solo due pareggi.

LA PARTITA

L’allenatore della Virtus Francavilla, Bruno Trocini, con il 3-5-2 schiera: Poluzzi; Delvino, Tiritiello, Caporale; Albertini, Gigliotti (89’, Calcagno), Marino (85’, Zenuni), Mastropietro, Sparandeo; Vazquez (93’, Puntoriere), Perez. Con lo stesso modulo il tecnico del Bari Giovanni Cornacchini, manda in campo: Frattali; Sabbione, Di Cesare (77’, Terrani), Perrotta; Berra, Awua, Hamlili (68’, Floriano), Bianco, Costa; Ferrari (54’, D’Ursi), Antenucci.

Dopo qualche minuto di studio fra le due squadre è Vazquez (9’) per i padroni di casa a rendersi per prima pericoloso con una punizione finita di poco fuori. Ma la partita non decolla e vive di improvvise fiammate. Risponde il Bari con Ferrari (30’), ma la sua conclusione viene facilmente parata dal portiere Poluzzi. Insiste il Bari. Così ci prova Berra (32’) che, ottimamente servito da Antenucci, effettua un diagonale che sfiora il palo alla destra della porta difesa da Poluzzi. Il Bari guadagna campo, ma sono gli avversari, con Gigliotti (44’), al termine di una veloce ripartenza ad impegnare severamente l’ottimo Frattali.

Nella ripresa il Bari entra in campo con un piglio diverso. Antenucci (49’) si libera di un avversario dal limite e lascia partire un diagonale che costringe Poluzzi alla deviazione. Ci prova anche D’Ursi (57’) subito dopo l’ingresso in campo, ma il suo tiro sfiora il palo alla destra del portiere. Qualche minuto dopo è la volta di Costa (65’), ma il suo tiro, direttamente su punizione, viene deviato in angolo dall’ottimo Poluzzi. Nel momento migliore del Bari, tuttavia, il Francavilla passa in vantaggio. Mastropietro (75’) approfitta di un regalo della difesa biancorossa e appoggia comodamente in rete. Cornacchini allora corre ai ripari: inserisce anche Terrani al posto di Di Cesare, ma il Bari accusa il colpo e la sua reazione rabbiosa non sortisce gli effetti sperati.

ANALISI E COMMENTI

Il Bari, dunque, subisce una sconfitta amara, la seconda in campionato in appena cinque giornate. Dispiace perché arrivata nel momento migliore del Bari e provocata da una grave ingenuità difensiva. Nel secondo tempo, in particolare, i padroni di casa erano rimasti in partita solo grazie al portiere Poluzzi autore di un’ottima prestazione. Si poteva fare qualcosa di più nel primo tempo. Una sola vera occasione in quarantacinque minuti è poca cosa. Ma nel complesso questa volta il Bari avrebbe meritato qualcosa di più. Anzi si aveva la sensazione che il Bari avrebbe potuto sbloccare la partita da un momento all’altro.

cms_14280/2.jpg

Sono molto arrabbiato - ha dichiarato Cornacchini ai microfoni di Radiobari – perché sul piano del gioco la squadra si è espressa bene e chi pensa il contrario non capisce niente di calcio. Ero convinto di portare a casa la partita. Oggi non posso veramente dire niente ai ragazzi che hanno fatto una buona partita. Loro non hanno mai avuto occasioni importanti e noi abbiamo fatto tanti tiri anche se dobbiamo essere più concreti. Ma c’è qualcosa da migliorare. Il futuro? Ora non so cosa potrà accadere perché chi fa questo mestiere sa a cosa va incontro. Certo bisognerà partire dalle cose positive e non dalla negatività che c’è da qualche parte".

In effetti questa volta si può dire molto poco alla squadra e probabilmente non sarà facile ripartire, ma il Bari dovrà cercare di dimenticare in fretta questa immeritata sconfitta e cercare di vincere la prossima gara ravvicinata contro il Monopoli, una squadra che sta attraversando un buon momento di forma. Ma il calcio è questo e ora la classifica non sorride al Bari (7 punti) che si trova già con cinque punti di ritardo dalla capolista Ternana (12). È vero che si è all’inizio, ma sarebbe opportuno non perdere altro terreno se si vuole raggiungere la promozione diretta.

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App