UNA BRUTTA JUVE PERDE CONTRO IL PORTO 2-1. RISCHIA DI AFFONDARE, MA CHIESA LA SALVA NEL FINALE

Pirlo: “Non era questa la partita che dovevamo fare!”

1613611339UNA_BRUTTA_JUVE_PERDE_CONTRO_IL_PORTO_2-1.jpg

Dopo la lunga sosta invernale torna in campo la Champions League con le gare di andata degli ottavi di finale. Ma non inizia bene per la Juventus - la prima squadra italiana a scendere in campo – sconfitta per 2-1 dal Porto.

Una partita vinta meritatamente dalla squadra portoghese che ha approfittato soprattutto di un approccio alla gara non dei migliori da parte della squadra bianconera. I due gol incassati ad inizio dei due tempi lo testimoniano. Non la pensa allo stesso modo, però, il tecnico juventino.

cms_21004/2_Pirlo_AFP_Fg_ok.jpg

L’approccio è stato sbagliato subito dopo il primo minuto - ha dichiarato il tecnico della Juventus, Andrea Pirlo, ai microfoni di Sky Sport – cioè dopo aver subito il gol, quando sono venute meno delle certezze. Abbiamo preso un gol strano, ma era la partita che ci aspettavamo perché loro sono bravi a chiudersi e nelle ultime partite di Champions non hanno subito gol. La partita che dovevamo fare non era questa e abbiamo fatto ciò che volevano loro. Volevamo attaccare la profondità, ma dovevamo essere più lucidi e veloci nel ‘giro palla’. Non è facile mantenere la stessa freschezza dopo tante partite, ma in un ottavo di finale questo non deve accadere”.

Ma la Juventus, in realtà, al di là dell’approccio sbagliato non è mai riuscita ad impensierire il portiere Marchesin per tutto il primo tempo e parte del secondo. Solo nel finale, con l’innesto di Morata e Chiesa, la squadra bianconera si è resa pericolosa arrivando a sfiorare addirittura il pareggio. Ma la rete di Chiesa addolcisce una sconfitta che dovrebbe, invece, far riflettere Ronaldo & company.

LA PARTITA IN BREVE

Con il 4-4-2 il tecnico del Porto, Conceicao, schiera: Marchesin; Manafà, Pepe, Mbemba, Zaidu; Corona, Otavio, Oliveira, Uribe; Marega, Taremi. Con lo stesso modulo l’allenatore della Juve, Pirlo manda in campo: Szczesny; Danilo, De Ligt, Chiellini, Alex Sandro; Chiesa, Bentancur, Rabiot, McKennie; Kulusevski, Ronaldo.

Parte bene la squadra di casa che passa subito in vantaggio con Taremi (2’) abile a sfruttare il grave errore in fase difensiva di Bentancur. Il Porto, galvanizzato dal gol, gioca meglio per tutto il primo tempo, mentre la Juventus fatica in fase di costruzione e non riesce mai ad impensierire il portiere Marchesin. Nella ripresa i bianconeri iniziano peggio. Passano trenta secondi, infatti, e il Porto raddoppia con Marega (46’). La Juve non riesce proprio a reagire e così è ancora la squadra di casa ad andare vicina al terzo gol con Oliveira (52’) e Corona (68’). Bravo Szczesny in entrambi i casi a respingere la sfera. Nel finale, però, con la Juventus a forte trazione anteriore, Chiesa (83’), al secondo tentativo, trova la zampata vincete e accorcia per il definitivo 2-1.

(Foto da adnkronos.com Afp e Fotogramma - si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos