UE:"NUOVE SANZIONI PER RUSSIA"

1660453160COMMISSIONE_UE_APPROVA_INCENTIVI_PER_BIOMETANO_EUROPA_Bandiera.jpg

L’Ue prepara nuove sanzioni contro la Russia dopo i referendum organizzati da Mosca nelle aree occupate in Ucraina. L’annessione dei territori, dopo le votazioni, verrà formalizzata a breve. La reazione di Bruxelles, dopo l’accelerazione di Vladimir Putin, non si è fatta attendere.

L’ottavo pacchetto di sanzioni contro la Russia è stato presentato ai rappresentanti degli Stati membri presso l’Ue, nel Coreper. Accanto al consenso sulla necessità di dare un segnale di unità e di fermezza di fronte a Mosca, si apprende da fonti diplomatiche a Bruxelles, sono stati richiesti approfondimenti sulla questione del tetto al prezzo del petrolio russo destinato a Paesi terzi. L’esame verrà approfondito a livello tecnico, per passare poi al Coreper di venerdì 30 settembre, in un passaggio che non sarà decisivo. L’intenzione della presidenza ceca è di approvare il pacchetto nel Coreper di mercoledì prossimo, salvo intoppi.

cms_27680/2_1664430951.jpg

"Siamo determinati a far sì che il Cremlino paghi per questa escalation. Per questo vi proponiamo un nuovo forte pacchetto di sanzioni contro la Russia", ha detto la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, a Bruxelles, a fianco dell’Alto Rappresentante Josep Borrell.

LE SANZIONI

cms_27680/1.jpgI provvedimenti prevedono un allungamento della lista dei soggetti sanzionati, che comprenderà, come ha illustrato Borrell, "le autorità prorusse di Donetsk e Luhansk", nonché una serie di persone "che hanno facilitato l’organizzazione dei referendum nei quattro territori occupati dell’Ucraina"; ci saranno anche "alte personalità del ministero della Difesa russo" e coloro che "sostengono le forze armate russe", fornendo "equipaggiamento, armi e alloggio" ai 300mila riservisti in via di mobilitazione. Verranno colpiti anche altri individui impegnati in azioni di "disinformazione", nonché soggetti che "partecipano o favoriscono l’aggiramento delle sanzioni" contro la Russia, e non si tratta "necessariamente di russi".

Verranno inoltre imposti "nuovi bandi alle importazioni di prodotti russi", che toglieranno a Mosca altri "7 mld di euro" di proventi; "proponiamo anche di estendere la lista dei prodotti che non possono più essere esportati in Russia", con l’obiettivo di "privare il complesso militare del Cremlino di tecnologie fondamentali", spiega la presidente. Questi nuovi divieti "indeboliranno ulteriormente la base economica della Russia e colpiranno la sua capacità" di organizzare lo sforzo bellico.

Redazione Bruxelles

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram