Territorio: il nuovo proprietario dell’Isola di Budelli vuole trasformarla in un museo ambientale

isola.jpg

cms_166/isola.jpgL‘isola di Budelli, recentemente acquisita all’asta perquasi 3 milioni di euro da un banchiere neozelandese, potrebbe diventare un museo ambientale, con percorsi di visita ideati per far conoscere anche la spiaggia rosa, nel rispetto delle regole di conservazione previste dall’Ente Parco di La Maddalena. E’ quanto emerso dal primo incontro tra il nuovo proprietario dell’isola dell’arcipelago di La Maddalena, Michael Harte, ed i vertici dell’ente Parco, avvenuto questa mattina a tre settimane dall’acquisto.
“Una piacevole sorpresa”, l’ha definita il presidente del Parco di La Maddalena, Giuseppe Bonanno. “Abbiamo incontrato un interlocutore sensibile alle problematiche ambientali – ha spiegato – una persona perfettamente consapevole dei vincoli che gravano sull’isola e non interessato ad interventi speculativi”. L’isola di Budelli era stata venduta all’asta giudiziaria dal Tribunale di Tempio Pausania il primo ottobre scorso, per i debiti accumulati dalla proprietà, una società immobiliare lombarda. Il neozelandese, che si è subito detto ambientalista convinto, è coinvolto in diversi progetti di conservazione marina e terrestre in vari siti, sparsi nel mondo.
”Dall’incontro di oggi abbiamo avuto modo di constatare che il nuovo proprietario di Budelli sia interessato alla conservazione dei luoghi, allo studio e alla conservazione della poseidonia e delle problematiche ecologiche dell’Isola – ha detto ancora Bonanno – come il fungo patogeno che sta attaccando e ammazzando i ginepri. Ci ha illustrato la sua ipotesi di valorizzazione del sito, con la creazione di percorsi di approfondimento e osservazione delle bio-diversità”. L’ente Parco ha invece presentato al banchiere neozelandese un progetto del 2006 che prevede percorsi di visita per “la conoscenza e la tutela dell’isola, con la Spiaggia rosa vista come un monumento alla natura”. Ma il presidente del Parco dell’Arcipelago ha anche sottolineato a mister Harte che non è ancora stata abbandonata l’idea che lo Stato e la Regione Sardegna si avvalgano del diritto di prelazione del sito (“è in corso una raccolta di firme”) in procinto di essere incluso nel patrimonio dell’Unesco, per le sue particolari bellezze ambientali e paesaggistiche. Diritto di prelazione che è stato congelato e di fatto annullato dalla Legge finanziaria.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram