TUTTI AI POSTI DI COMBATTIMENTO!

Braccio di ferro tra Cina e Stati Uniti per Taiwan

TUTTI_AI_POSTI_DI_COMBATTIMENTO!.jpg

Abbiamo inviato forze navali e aeree per tracciare e monitorare il cacciatorpediniere USS Higgins e la fregata HMCS Vancouver che ieri hanno attraversato da sud verso nord lo Stretto di Taiwan”. Testo e musica del colonnello Shi Yi, portavoce del Comando del teatro orientale dell’Esercito popolare di liberazione. Il commento è arrivato a riguardo un episodio risalente a due giorni fa: sono state coinvolte un’unità della marina statunitense e una canadese, prodigatesi nel mantenere la libertà di navigazione intorno Taiwan al fine di rigettare le pressioni cinesi sul territorio. “Le truppe sono sempre in allerta, contrastano risolutamente tutte le minacce e le provocazioni e difendono con forza la sovranità nazionale e l’integrità territoriale”. Riprendendo le due parole chiave di tutta la lunga faccenda, “sovranità nazionale”, Shi ribadisce come Pechino consideri la terra taiwanese come parte di suoi confini.

cms_27600/Foto_1.jpg

Dal canto la USS Higgins, congiuntamente alla fregata HMCS Vancouver, “ha condotto un transito di routine nello stretto di Taiwan in conformità con il diritto internazionale – specifica la Marina militare americana – il passaggio è avvenuto attraverso un corridoio nello Stretto che è al di là del male territoriale di qualsiasi stato costiero”. Praticamente ritornano, ridondanti e tedianti, gli stessi concetti triti e ritriti; un’altra situazione internazionale che non mi smuove dal suo stallo. Presentati i fattori, tracciamo la linea del totale di queste per certi versi subdole operazioni. La Cina si professa pronta a rievocare la sua, per lei, inequivocabile Legge anti-secessione e a riannette Taipei anche con la forza. Gli Stati Uniti, al contrario, vogliono scendere in campo per difendere l’indipendenza taiwanese anche ricorrendo alle cattive.

cms_27600/Foto_2.jpg

Praticamente questa decisamente accesa rivalità rischia di scoppiare in un conflitto armato con Taiwan a fare da casus belli. “C’è un vecchio detto dalle nostre parti: meglio perdere mille soldati che un pollice di territorio”: Wang Yi, ministro degli Esteri di Pechino, ha riassunto il modo di credere del suo popolo. A undici mesi fa risale la navigazione congiunta canadese e statunitense, in cui sono stati utilizzati il cacciatorpediniere USS Dewey e della fregata HCMS Winnipeg. Ripescando quell’evento il Canada ha riportato che la sua unità militare era in viaggio per aggregarsi a una missione di pace riguardo le sanzioni dell’ONU contro la Corea del Nord: “il transito di routine di oggi (ieri, NdR) nello stretto dimostra il nostro impegno per un oceano Indo-Pacifico libero, aperto e inclusivo” asserisce Anita Anad, ministro della Difesa di Ottawa.

Francesco Bulzis

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram