TRENO PER MONACO VIA TRENTO

TRENO_PER_MONACO_VIA_TRENTO_NR_13_I_SEGRETI_DELLA_PAROLE_prima_-_Copia.jpg

cms_20367/0.jpg

Da Napoli centrale

per Monaco via Trento,

treno in partenza dal binario dieci”.

Abbracci, guance di baci a piuma:

“Ti raccomando: appena arrivi,scrivi!”.

“Tu bada a bambini!”

Un fischio lungo sbatte la portiera;

stormi di mani volano lontano

a sparire nel rosso della sera.

Anni cinquanta. Sciamano i migranti

dalle arnie del Sud.

Avranno pane mielato le donne sole,

incubi la notte

al riverbero di fiamme, e vuoti abbracci.

Nello scomparto, dal fazzoletto bianco

evadono singhiozzi mascherati

da tosse. L’uomo forte non piange;

s’alza, e,girato di spalle,

sistema le valigie;

la voce rompe il guscio dei pensieri:

“A mio figlio lo farò studiare”.

Io, studente a Napoli,

penso a mio padre

ai tempi del Fascio emigrato

in Germania, in Albania.

Chiedeva pane e lavoro.

Lo corressero: lavoro e pane!

Non avevano visto quelle mani

allenate alla preghiera del povero,

da piccine.

- Meglio una pariglia di buoi a spasso

che un giovane in ozio;

la pianta deve crescere da subito diritta

- sentenziava la Bibbia del lavoro - il nonno.

Mio padre crebbe sulle impalcature

con mani agili e dure,

spaccate dalle calce

per le carezze più tenere;

mani missionarie e comuniste

che inchiodavano casseforme nei cantieri

e intagliavano nel legno

i Cristi crocifissi.

Cambiano i venti.

Dal sud del mio Sud sciamano poveri

in cerca di salvezza;

a nugoli cadono nel mare.

Lisciviati in cera votiva,

ardono nelle coscienze, interrogano gli squilibri del mondo,

gridano ai complici silenzi

per le ingiustizie,

gli sperperi,

le guerre.

Ripropongono dolenti equazioni

col Cristo e le sue croci d’oggi:

ics d’umanità uguagliate a zero!

Antonio Villa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos