TRADIZIONI DAL MONDO: LA TOMATINA

La battaglia a colpi di pomodoro

TRADIZIONI_DAL_MONDO_LA_TOMATINA.jpg

La Tomatina è la famosa battaglia dove vengono lanciati i pomodori, una delle feste più famose e più stravaganti della Spagna. La Tomatina si svolge ogni anno nella piccola città di Buñol, Valencia.

Questa festa spagnola del pomodoro si svolge sempre l’ultimo mercoledì di agosto di ogni anno durante i giorni festivi ufficiali di Buñol.

cms_23064/1.jpg

In questo giorno dell’anno, i cittadini e migliaia di visitatori si scontrano in una battaglia... e le“armi” non sono altro che semplici pomodori!

Naturalmente, ci sono alcune regole e consigli da tenere a mente in modo che tutto funzioni senza intoppi e nessuno si faccia male.

Come nasce La Tomatina?

Si pensa che la Tomatina sia nata negli anni ’40 come risultato di una rissa tra alcuni giovani che si trovavano nella piazza del paese ed iniziarono a tirarsi pomodori. In ogni caso, da allora gli abitanti del paese hanno ricreato e reso omaggio a questo evento ogni anno, anche se ci sono stati alcuni anni in cui è stato vietato.

cms_23064/2_1630807464.jpg

Perché venne vietata la Tomatina?

Durante gli anni del regime di Franco in Spagna, la Tomatina fu bandita perché non vi era alcun elemento religioso. Negli anni ’50 e ’60, quando era illegale festeggiare la Tomatina, alcune persone furono arrestate per averla portata avanti. Dopo la morte del dittatore nel 1975, la festa è tornata a celebrarsi.

La Tomatina è uno spreco di cibo?

Vengono utilizzati circa 150.000 pomodori durante la festa della Tomatina a Buñol. Si utilizzano pomodori super maturi che sono specificamente coltivati in Estremadura e a Xilxes, nella provincia di Castellón. Questa speciale varietà di pomodoro non ha un gusto particolarmente gradevole. La città di Buñol li compra a basso costo e sono così maturi che se non fossero usati per il festival verrebbero buttati.

Il costo per entrare a La Tomatina è di pochi euro e molte compagnie offrono anche alloggio a Buñol e/o trasporto da Valencia, Barcellona, Madrid e altre città.

cms_23064/3.jpg

In passato era gratuito, ma a partire dal 2012, gli organizzatori hanno introdotto una piccola quota di ingresso per i biglietti della Tomatina; il festival è diventato così grande che sia ha sempre più bisogno di personale di sicurezza e di pulizia per poterlo gestire.

La battaglia dei pomodori, che è l’attrazione principale del festival, dura circa un’ora e non ci sono restrizioni.

Cosa indossare a La Tomatina?

Non ci sono abiti ufficiali della Tomatina ma si consiglia di indossare abiti vecchi - camicie o magliette che non si indossano più - perché potresti dover buttare via tutto.

cms_23064/4.jpg

Gli organizzatori del festival consigliano anche l’uso di occhialini da nuoto per evitare che il succo di pomodoro ti entri negli occhi. Indossa scarpe comode e chiuse come le scarpe da ginnastica, in modo che non si bagnino i piedi. Le macchine fotografiche rischiano di rovinarsi se non sono subacquee, quindi lasciale a casa.

Quali sono le regole de La Tomatina?

cms_23064/5.jpg

Questa festa è un modo per dipingere di rosso l’intera città (e tutti quelli che ci sono dentro) ogni agosto. Tuttavia, per mantenere il divertimento in sicurezza, ci devono essere alcune regole e raccomandazioni da seguire.

È molto importante che i partecipanti non entrino nell’area dove si svolge il combattimento alimentare con bottiglie o oggetti duri. È inoltre vietato alle persone di toccarsi i vestiti l’un l’altro in quanto potrebbero essere strappati. Quando tiri un pomodoro, dovrai prima schiacciarlo in modo che l’impatto non danneggi nessuno. Allo stesso modo, è consigliabile stare lontano dai camion dove vengono conservati i pomodori.

La regola più importante della Tomatina è quella di divertirsi. Non capita tutti i giorni di partecipare a una battaglia di pomodori!

Diana Filippi

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram