THE TYPICAL VENETIAN CUISINE

An encounter between land and sea for tasty dishes with a unique flavor

1601866421THE_TYPICAL_VENETIAN_CUISINE.png

Venetian cuisine is made with few ingredients but rich in taste. Although the city of Venice is famous all over the world for its immense beauty, art, architecture and history, few know its refined gastronomic tradition. Venice was entirely built on water, built on hundreds of islets within a vast lagoon separated from the sea only by thin sandy docks, consequently most of the dishes are related to the sea. The same blend land and sea, combining flavors that combined together create delicious dishes to the eye and palate appreciated by locals and visitors from all over the world.

cms_19347/1.jpg
Gastronomic simplicity combined with refined culinary preparations, the result of the union and mixing of different cultures and traditions, especially thanks to the use of local raw materials combined with others that came from faraway places thanks to the dense commercial network of the maritime republic.
Fish, the cornerstone of Venetian gastronomy at the base of many recipes, has been the main livelihood of the inhabitants of the lagoon since the first settlement period (5th century AD). It is no coincidence that Venice, as described by the writer Tiziano Scarpa, has "the shape of a fish", in fact seen from above the city resembles a large sole lying on the bottom of the lagoon.
Given the mercantile soul of the Republic and the commercial relations of the city with the most important ports in the Mediterranean and the intercontinental ones, in Venetian cuisine we find ingredients such as raisins, pistachios, walnuts, almonds, dates, of oriental origin. Ingredients that enter the Venetian gastronomic tradition to make dishes washed down with the various "malvasias", from which the well-known places for pouring the homonymous wine of the island of Cyprus, a Venetian colony from 1489 to 1571.

cms_19347/4.jpg
The Greek-Byzantine, Jewish, Arab, Northern European, Armenian, Turkish influences are still partially evident in Venetian cuisine starting with the important use of spices. Herbs and spices were used to preserve the food, the latter determined the economic wealth of the seaside city: cinnamon from Ceylon, cumin from North Africa, cardamom from India. And still the cloves from the Moluccas islands, the poppy, the opium one used in the pharmacopoeia of the numerous spezieri, the ginger from the East, the nutmeg and part of its envelope, the mace, from the Moluccas islands. Certainly the king of Venetian cuisine is pepper, in its various varieties, originating from India, widely used to flavor various dishes.

cms_19347/5.jpg
Among the most renowned recipes are sardines in saòr, an exquisite appetizer of Venetian cuisine, a dish born from the need of Venetian sailors to preserve fish during long sea crossings. A recipe prepared in a bowl with fried sardines which are served with onions cooked with vinegar and caramelized, pine nuts and raisins. Creamed cod is a delicate and refined recipe, originally a poor dish that today has also become a gourmet dish. It is prepared with stockfish, dried cod, cooked in water and milk and expertly stirred, served as an appetizer and single dish. Venetian liver is a very simple and very tasty recipe with great contrasts: on the one hand the intense flavor of the calf liver, on the other the sweetness of the onion of Chioggia.

The other ingredients are: sage, butter, extra virgin olive oil and broth. Bigoli in salsa are a dish of the Venetian gastronomic tradition. They are the equivalent of "pasta with sardines". It is a tasty dish with a simple dressing: very thin sliced ​​onions, sardines, extra virgin olive oil and bigoli: large spaghetti with a porous and rough surface and a good consistency that manages to retain the sauces. A dish with a salty and marine flavor.

cms_19347/6.jpg

Rices and bisi were the dish of the doges of the Republic of Venice. The main ingredient is peas and it is a dish between a soup and a risotto. The other protagonist of the recipe is rice from the vialone nano variety, a semi-fine rice, with a rounded and medium-sized grain with the characteristic of swelling during cooking and absorbing more of the seasoning. The linguine alla bùsara has a refined and spicy taste: according to legend, the bùsara was the steel pot that fishermen used to cook fish on fishing boats, according to others the term derives from "bùsaria" or lie-cheat in reference to the "scampi cheated ". A dish where the sweetness of the meaty langoustine and the spiciness of the chili pepper are mixed. The cuttlefish ink spaghetti are inevitable, as well as being tasty and make the happiness of adults and children because of their raven black color. In the Venice lagoon, cuttlefish ink has been an ingredient used since ancient times. Originally it was used to season cuttlefish cut into chunks, then someone thought to use it also with spaghetti.

cms_19347/7_GRANSAPOR_RISTORANTE.jpg
Gransapor Restaurant: taste the best Venetian gastronomic specialties in the heart of Venice

Since 2012 the brothers Emiliano and Ermal Biraku restaurateurs in love with the city of Venice and its millenary history, the result of contaminations from different cultures, have started their adventure in the world of catering by inaugurating three typical restaurants where they resume classic Venetian gastronomy while remaining faithful to tradition in a guise modern and innovative.
In the three locations Gransapor Restaurant, Garden and Bistrot not far from Piazza San Marco, the Church of San Zaccaria and the Campo Santa Maria Formosa, each characterized by a unique and unmistakable charm, you will taste the best of typical Venetian cuisine with the best raw materials , interpreted with skill and curiosity by chefs to satisfy the most refined palates.
In the heart of Venice, on the Fondamenta dell’Osmarin, a stone’s throw from the famous "Devil’s Bridge" or "Bridge of Temptation", Gransapor Restaurant and Gransapor Bistrot will welcome you in a welcoming environment enjoying the best of Venetian cuisine sitting comfortably on a table at the edge of a canal where you will hear the stories of the gondolier who crosses the canal on his gondola. From "Gransapor Garden" in Salizada San Lio you can relax during your walk through the Venetian streets in a beautiful garden, being able to taste many dishes chosen from a menu full of delicacies and goodness.

cms_19347/1_GRANSAPOR_BISTROT.jpg
Gransapor Restaurant keeps the tradition of Venetian gastronomy alive by letting visitors know the typical recipes related to the history of the city: among the most renowned and tasty dishes of the gastronomic tradition you can taste Risi and Bisi, a typical dish based on rice and peas, Cuttlefish ink Spaghetti, Creamed cod, Linguine alla Bùsara, Sardines in Saòr, Bigoli in sauce and the inevitable Venetian liver. A variety of appetizers, tasty pizzas, delicious first and second courses, desserts, vegetarian and gluten-free dishes are also available.

cms_19347/italfahne.jpgLa cucina tipica veneziana

Un incontro tra terra e mare per piatti gustosi e dal sapore unico

La cucina veneziana è realizzata con pochi ingredienti ma ricchi di gusto. Nonostante la città di Venezia sia famosa in tutto il mondo per la sua immensa bellezza, arte, architettura e storia, in pochi conoscono la sua raffinata tradizione gastronomica. Venezia è stata interamente costruita sull’acqua, edificata su centinaia di isolotti all’interno di una vastissima laguna separata dal mare solo da sottili banchine di sabbia, di conseguenza la maggior parte delle pietanze sono legate al mare. Le stesse fondono terra e mare, unendo gusti e sapori che abbinati tra loro creano piatti sfiziosi alla vista e al palato apprezzati dai locali e dai visitatori di tutto il mondo.

Semplicità gastronomica unita a raffinate preparazioni culinarie, risultato dell’unione e mescolamento tra culture e tradizioni diverse, soprattutto grazie all’utilizzo di materie prime locali abbinate ad altre che arrivavano da luoghi lontanissimi grazie alla fitta rete commerciale della repubblica marinara.

Il pesce, elemento cardine della gastronomia veneziana alla base di moltissime ricette, ha rappresentato il principale sostentamento degli abitanti della laguna fin dal primo periodo di insediamento (V secolo d.C.). Non è un caso che Venezia, come descritto dallo scrittore Tiziano Scarpa, ha “la forma di un pesce”, infatti vista dall’alto la città somiglia ad una grande sogliola distesa sul fondo della laguna.

Data l’anima mercantile della Repubblica e i rapporti commerciali della città con i porti più importanti del Mediterraneo e quelli intercontinentali, nella cucina veneziana troviamo ingredienti come l’uvetta, i pistacchi, le noci, le mandorle, i datteri, di provenienza orientale. Ingredienti che entrano nella tradizione gastronomica veneziana per realizzare piatti annaffiati con le varie “malvasie”, da cui i noti luoghi per la mescita dell’omonimo rinomato vino dell’isola di Cipro, colonia veneziana (dal 1489 al 1571).

Le influenze greco-bizantine, ebraiche, arabe, nord-europee, armene, turche, sono in parte ancora evidenti nella cucina veneziana a cominciare dall’importante uso delle spezie. Per conservare i cibi erano utilizzate erbe aromatiche e spezie, queste ultime determinarono la ricchezza economica della città marinara: la cannella arrivata da Ceylon, il cumino dall’Africa del Nord, il cardamomo dall’India. E ancora i chiodi di garofano dalle isole delle Molucche, il papavero, quello da oppio usato nella farmacopea dei numerosi spezieri, lo zenzero dall’Oriente, la noce moscata e parte del suo involucro, il macis, dalle isole Molucche. Sicuramente il re della cucina veneziana è il pepe, nelle sue diverse varietà, originario dall’India, largamente usato per condire le varie pietanze.

Tra le ricette più rinomate ci sono le sarde in saòr, antipasto squisito della cucina veneziana, piatto nato dall’esigenza dei marinai veneziani di conservare il pesce durante le lunghe traversate in mare. Una ricetta preparata in una terrina con sarde fritte che vengono servite con cipolle cotte con aceto e caramellate, pinoli e uvetta. Il baccalà mantecato è una ricetta delicata e raffinata, in origine un piatto povero che oggi si è elevato anche a piatto gourmet. Si prepara con lo stoccafisso, merluzzo essiccato, cotto nell’acqua e latte e sapientemente mantecato, servito come antipasto e piatto unico.

Il fegato alla veneziana è una ricetta semplicissima e molto gustosa dai grandi contrasti: da una parte il sapore intenso del fegato di vitello, dall’altra la dolcezza della cipolla di Chioggia. Gli altri ingredienti sono: salvia, burro, olio extravergine d’oliva e brodo. I bigoli in salsa sono un piatto della tradizione gastronomica veneta. Sono l’equivalente di “pasta con le sarde”. È un piatto gustoso con un condimento semplice: cipolle affettate finissime, sarde, olio d’oliva extravergine e i bigoli: grossi spaghetti con superficie porosa e ruvida e una buona consistenza che riesce a trattenere i sughi. Un piatto dal sapore salino e marino.

I risi e bisi erano il piatto dei dogi della Repubblica di Venezia. L’ingrediente principale sono i piselli ed è un piatto tra una minestra e un risotto. L’altro protagonista della ricetta è il riso della varietà del vialone nano, un riso semi fino, dal chicco tondeggiante e di media grandezza con la caratteristica di gonfiarsi durante la cottura e assorbire di più il condimento. Dal sapore raffinato e piccante le linguine alla bùsara: secondo la leggenda la bùsara era la pentola d’acciaio che i pescatori usavano per cucinare il pesce sui pescherecci, secondo altri il termine deriverebbe da «bùsaria» ovvero bugia-fregatura in riferimento agli “scampi imbrogliati”. Un piatto dove si fondono la dolcezza dello scampo carnoso e la piccantezza del peperoncino. Immancabili gli spaghetti al nero di seppia, oltre a essere gustosi e fanno la felicità di grandi e bambini a causa del loro colore nero corvino. Nella laguna di Venezia il nero di seppia è un ingrediente impiegato fin dai tempi antichi. In origine lo si usava per condire le seppie stesse tagliate a tocchetti, poi qualcuno ha pensato di usarlo anche con gli spaghetti.

Gransapor Ristorante: degusta le migliori specialità gastronomiche veneziane nel cuore di Venezia

Dal 2012 i fratelli Emiliano e Ermal Biraku ristoratori innamorati della città di Venezia e della sua storia millenaria frutto di contaminazioni di culture diverse iniziano la loro avventura nel mondo della ristorazione inaugurando tre ristoranti tipici dove riprendono la gastronomia classica veneta restando fedeli alla tradizione in una veste moderna e innovativa.

Nelle tre sedi Gransapor Ristorante, Garden e Bistrot non distanti da Piazza San Marco, dalla Chiesa di San Zaccaria e dal campo di Santa Maria Formosa, ognuna caratterizzata da un fascino unico e inconfondibile, gusterete il meglio della cucina tipica veneziana con le migliori materie prime, interpretate con maestria e curiosità da abili chef per soddisfare i palati più raffinati.

Nel cuore di Venezia, sulla Fondamenta dell’Osmarin a due passi dal celebre “Ponte del Diavolo” o “Ponte della Tentazione”, Gransapor Ristorante e Gransapor Bistrot vi accoglieranno in un ambiente accogliente potendo gustare il meglio della cucina veneziana seduti comodamente su un tavolino ai bordi di un canale dove ascolterete i racconti del gondoliere che attraversa il canale sulla sua gondola. Da “Gransapor Garden” in Salizada San Lio potrai rilassarti durante la tua passeggiata per le calli veneziane in uno splendido giardino potendo gustare molte pietanze scelte da un menù ricco di prelibatezze e di bontà.

Gransapor Ristorante mantiene viva la tradizione della gastronomia veneziana facendo conoscere ai visitatori le ricette tipiche legate alla storia della città: tra i piatti più rinomati e gustosi della tradizione gastronomica potrete gustare Risi e Bisi, piatto tipico a base di riso e piselli, gli Spaghetti al nero di seppia, il Baccalà mantecato, le Linguine alla Bùsara, le Sarde in Saòr, i Bigoli in salsa e l’immancabile Fegato alla veneziana. Disponibili anche una varietà di antipasti, gustose pizze, primi e secondi prelibati, dessert, piatti vegetariani e per celiaci.

Domenico Moramarco

 

Tags: cucina tipica venezia baccala sarde

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram