STORIE DI DONNE

“Nannerl “ Mozart

1637717950STERIE_DI_DONNE_R2_Nannerl___Mozart.jpg

cms_23921/1v.jpgMaria Anna Walburga Ignatia Mozart (Salisburgo, 30 luglio 1751 – Salisburgo, 29 ottobre 1829) , figlia di Leopold Mozart e di Anna Maria Pertl, era la sorella maggiore di Wolfgang Amadeus Mozart.

In famiglia la chiamavano Nannerl (come dire "Nannina" o "Nannarella") e con questo vezzeggiativo è passata alla storia.

Come suo fratello, Maria Anna Mozart rivelò un precoce talento musicale: da bambina si esibiva al suo fianco, al clavicembalo durante le tournée organizzate dal padre.

Avendo riscontrato le straordinarie qualità dei suoi figli, infatti, Leopold Mozart li portò fin da piccoli a suonare in molte città europee, tra le quali Vienna e Parigi.

La sorella di Mozart divenne un’eccellente pianista e un’insegnante di musica molto apprezzata alcuni la definirono più brava e creativa di Amadeus ma a quei tempi fare musica non era considerata attività idonea per una donna.

Wolfgang aveva un’alta opinione del suo talento e della sua competenza, e le sottoponeva d’abitudine le proprie partiture per averne un parere; compose inoltre alcuni pezzi per pianoforte a quattro mani, e per due pianoforti, espressamente per suonarli in coppia con lei.

cms_23921/2v.jpgNannerl Mozart sposò nel 1784 il Barone Johann Baptist von Berchtold zu Sonnenburg e si trasferì con lui a Sankt Gilgen, un villaggio a 6 ore di carrozza da Salisburgo.

Ebbe un figlio maschio, Leopoldl e due femmine, Jeanette e Marie Babette.

Dovette rallentare le attività musicali e divenne una madre di famiglia, occupandosi dei propri figli e anche di quelli del marito, nati da ben due precedenti matrimoni.

In seguito alla prematura scomparsa di Wolfgang Amadeus nel 1791 Nannerl diede un contributo di notevole importanza alla promozione della sua figura di musicista, collaborando con i suoi biografi, autenticando le sue composizioni e incentivandone la pubblicazione.

Rimasta vedova nel 1801, Nannerl tornò a Salisburgo e riprese alacremente l’insegnamento del pianoforte. Morì quasi ottantenne. E’ sepolta nell’Abbazia di San Pietro di Salisburgo.

Gruppo arte e cultura di Orietta Paganotti

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos