SCUOLA...SCONTRO GOVERNO-SINDACATI SUL RINNOVO DEL CONTRATTO

Tutte le sigle sindacali criticano il nuovo indirizzo del Governo

1652575048SCONTRO_GOVERNO-SINDACATI_SUL_RINNOVO_DEL_CONTRATTO_ITALIA_Licenze_Creative_Commons_(1).jpg

È stato firmato dal Governo l’atto avente ad oggetto il rinnovo del contratto della scuola che riguarderà oltre 1.2 milioni di persone.

L’atto regolamenta lavoro a distanza, formazione in servizio e aumenti salariali.

Il documento ora passa al vaglio dei sindacati della scuola che il 17 maggio si incontreranno per discuterne con l’Aran, l’agenzia incaricata dal Governo per il rinnovo degli accordi del pubblico impiego.

cms_26040/Foto_1.jpg

Le varie sigle sindacali, Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda, però, sono sul piede di guerra. Dopo aver proclamato lo sciopero per il 30 maggio, in una nota congiunta hanno dichiarato che “il Decreto interviene in maniera pesante e scorretta in materie che sono esclusiva competenza del contratto.

cms_26040/0.jpgL’Esecutivo fa ciò ricavando risorse attraverso il taglio dell’organico, circa diecimila unità di personale in tre anni, e il taglio della card docenti”.

Inoltre i sindacati affermano che “i soldi previsti dall’atto di indirizzo sono soldi vecchi, stanziati da ben tre leggi di bilancio (2019, 2020, 2021) e che la legge di bilancio 2022 ha stanziato qualche limitata risorsa aggiuntiva, ma non certo sufficiente a garantire aumenti adeguati per tutto il personale anche a fronte dell’aumento dell’inflazione che rischia di erodere completamente gli aumenti previsti.

Si chiede ora al Governo di sgomberare il campo e stralciare il Decreto approvato”.

cms_26040/Foto_2.jpg

Oggetto di critica è anche la didattica a distanza, presente nel testo, che viene definita come una modalità di lavoro agile e non come complementare e non alternativa al lavoro tradizionale in presenza.

Infatti si deve cercare di favorire lo sviluppo del lavoro a distanza come il coworking, che è svincolato dalla presenza fisica in ufficio del docente.

Infine si contesta anche ciò che riguarda la formazione, gli obblighi, i riconoscimenti, ma soprattutto le remunerazione in base alle competenze acquisite.

Anna Maria Stanca

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram