SANITÀ A RISCHIO CON I CYBER ATTACCHI

Un cittadino su sette ha subito furto di dati sanitari

1615679861Copertina.jpg

Una delle tante conseguenze del Covid consta nell’aver indebolito il settore sanitario, non solo per l’evidente pressione ospedaliera ma anche sul controllo delle cartelle sanitarie, che hanno subito più frequenti furti. Helpransomware, azienda specializzata in rimozione di ransomware e recupero dati crittografati, stima che ben il 20% degli attacchi perpetrati nell’ultimo anno hanno visto protagonisti proprio i dati sanitari dei cittadini, nella fattispecie di un cittadino su sette. I cyber crimini contro le strutture ospedaliere hanno subito un incremento del 45%, il doppio degli altri settori, che si attestano mediamente al 22%.

cms_21264/Foto_1.jpg

Questo si verifica soprattutto perché venire a conoscenza di dati sensibili può facilitare i tentativi di frodi online: è relativamente facile per gli hacker, a partire da una cartella sanitaria, accedere al conto bancario di un paziente per via diretta o indiretta (ad esempio con truffe ai parenti: conoscere informazioni riservate rende più credibili e quindi efficaci i raggiri). Per questo, i dati contenuti nelle cartelle sanitarie possono valere più di quelli dei sistemi bancari: “Il prezzo attuale di una singola cartella contenente i dati identificativi degli individui, con nomi, codici della previdenza sociale, date di nascita e numeri di conto corrente, varia da 14 a oltre 25 euro cadauno” spiega Helpransomware.

cms_21264/Foto_2.jpg

Inoltre, i pirati informatici prendono di mira le aziende sanitarie perché, in questa fase, pagano più facilmente di altre organizzazioni il riscatto: dovendo gestire una situazione emergenziale, gli ospedali, spesso, preferiscono sborsare migliaia di euro pur di recuperare i dati sensibili.

Nonostante le problematiche legate alla gestione della pandemia, è preferibile non cedere alle proposte dei criminali informatici: in questi casi le soluzioni specifiche create ad esempio da Helpransomware aiutano ad eliminare, in brevissimo tempo, il ransomware ed i file criptati.

Valentina Farina

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram