ROBERTA MUSI

Alchimista della materia

1616463686ROBERTA_MUSI__ALCHIMISTA_DELLA_MATERIA__Incontri_in_galleria.jpg

Roberta Musi è un’artista che, nonostante la lunga esperienza, continua a stupire.

La sua ricca e forte personalità le scorre tra le dita per fissarsi sulla tela e sulla carta. Qualunque supporto utilizzi, il risultato è ogni volta stupefacente: la fantasia, la logica composizione, il tratto fermo e morbido allo stesso tempo, l’accostamento dei colori, tutto ciò ben si sposa con l’atmosfera che riesce a creare. Un’atmosfera onirica, romantica, femminile.

Roberta guarda con riconoscenza ai suoi maestri parmensi, all’accademia di affresco frequentata allo sbocciare della sua carriera, che le hanno lasciato nel cuore il seme di un talento che, con il tempo, è divenuto una florida pianta.

cms_21348/FOTO_1.jpg

Roberta Musi

Roberta Musi è come il vento: leggera, fresca e dinamica ed è su questa scia che nascono e si sviluppano anche le sue opere.

Il MOVIMENTO è onnipresente nei suoi dipinti, che si tratti di figure di cavalli in corsa, di passi di danza, di volo di uccelli o dello scorrere delle nubi.

La sensibilità nel sottolineare e nel riprodurre il dinamismo delle cose e della natura, nasce dalla sua esperienza di cavallerizza che le ha lasciato il gusto della potenza e della forza dell’animale in corsa ma anche - e soprattutto - il senso di libertà che ne deriva. Potremmo anche dire il senso di liberazione perché la corsa è, in realtà, una sfida con se stessi, è il superamento di un ostacolo attraverso la fatica e la durata nel tempo. E di fatica, Roberta ne ha fatta tanta ma ha tenuto duro ed è arrivata laddove voleva arrivare.

Il Tango, altro amore giovanile dell’artista, esprime la parte più goliardica del movimento: la sfrenatezza ma anche la tecnica e la sensualità. È il suo lato più femminile, più epidermico ed emozionale.

Roberta Musi dice di aver voluto “imprigionare” sulla tela questo movimento ma in realtà lo ha liberato, gli ha dato forma, espressione e contenuto.

cms_21348/FOTO_2.jpg

“Vento acqua fulmine energia” e “Tango a Torino” - acrilico su tela by Roberta Musi

Ma l’artista non si limita a dipingere sulla tela, ama cimentarsi sui supporti più disparati, incluse le pietre: è li che raggiunge - sembra quasi un controsenso - il massimo della LEGGEREZZA.

La pietra è, per Roberta, ben più di un elemento scaturito dalle viscere della terra: “I sassi sono molto importanti per me perché li considero una nostra personificazione.

Come loro sono levigati dall’acqua e dal vento, così lo siamo noi dalle esperienze della vita. Tuttavia, se rompiamo il sasso vediamo che all’interno conserva la propria natura, proprio come noi: la vita può levigarci esternamente, arrotondare le nostre spigolature ma dentro rimaniamo ciò che siamo, conserviamo la nostra identità”.

Le pietre la ritroviamo ovunque nei suoi lavori, anche se talvolta indossano panni diversi: così le ritroviamo in cielo sotto forma di nuvole o nell’acqua sotto forma di gocce. Comunque le rappresenti, ciò che colpisce è la loro leggerezza. Se gli alchimisti concentravano i loro sforzi nel trasformare il metallo in oro, Roberta Musi è riuscita a trasformare un elemento pesante in qualcosa di estremamente leggero e vaporoso, e senza neanche tanta fatica. Non si comprende come riesca a far coesistere potenza e leggerezza in un unico dipinto, il tutto condito di delicata grazia.

Credo che il segreto stia tutto nella sua grande umanità: donna umile e forte, trasmette alla sua arte le stesse caratteristiche, in una stupenda sintesi in cui tempo e spazio, umano e trascendente, antico e moderno diventano tutt’uno.

cms_21348/FOTO_3.jpg

“Il Mago” e “La Ruota della Fortuna” - dalla serie degli Arcani Maggiori dei Tarocchi - acquaforte su carta fatta a mano by Roberta Musi

Le sue acqueforti sono la sintesi di un difficile equilibrio tra passato e presente, tra antico e moderno. Al rigore della tecnica, che possiede alla perfezione, si affianca la libera interpretazione, frutto di anni di duro lavoro, sia artistico che spirituale.

È qui che si libera la FRESCHEZZA di Roberta Musi, una freschezza che nasce dallo spirito, dall’anima, dal cuore puro connesso al trascendente e all’umano nel medesimo tempo.

Lo vediamo mirabilmente espresso nei suoi Tarocchi dove l’umanità - rappresentata dal maschile e dal femminile - è lo “stargate” dell’anima. I Tarocchi sono dei simboli, degli archetipi che parlano di noi, non di Dio. Parlano del nostro presente, non del futuro. Ci portano alla consapevolezza di chi siamo e del nostro destino, che è sempre e comunque nelle nostre mani.

Come Roberta Musi, siamo noi gli artisti e la vita è la nostra tela: sta a noi farne un’opera d’arte.

L’intervista che segue è stata realizzata da “Tavoli HeArt” per la Social TV della storica Libreria Bocca di Milano, all’interno della splendida cornice di Galleria Vittorio Emanuele II.

La Libreria Bocca dal 1775 è locale Storico d’Italia con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

International Web Post - nella persona del suo fondatore e direttore Attilio Miani - si fa portavoce di questa realtà, dando voce ad una realtà editoriale che è parte del nostro patrimonio culturale. #socialtvlbocca

___________________________________

Dove trovare Roberta Musi:

https://www.robertamusi.it

https://www.facebook.com/roberta.musi.520

https://www.instagram.com/musiparma/

___________________________________

Simona HeArt

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos