RILEGGENDO POESIA – E’MORTA LILIANA UGOLINI

Il Burattino

1626389156RILEGGENDO_POESIA_–__MORTA_LILIANA_UGOLINI_03_SPAZIO_LETTERARIO.jpg

Liliana Ugolini ci ha lasciati. Si è spenta nella notte di martedì 13 luglio.

cms_22525/2.jpgNella rubrica Per competenza, curata da Roberto Carifi, incontriamo – nell’ottobre 1993, n. 66 – Liliana Ugolini, autrice già allora non giovanissima che proponeva alla redazione la sua silloge appena uscita.

Anziché passare per la porta principale (ne avrebbe avuto tutti i diritti) preferì la sala d’attesa, dove tanti autori, bravi e meno bravi, attendevano di veder pubblicata la loro lettera e la relativa risposta di Carifi, con una poesia della silloge (edita o inedita che fosse) che ne rappresentava il lavoro. Ecco, in parte, il testo della risposta: “Nell’ottima collana gazebo diretta da Mariella Bettarini e Gabriella Maleti, compare La baldanza scolorata di Liliana Ugolini. Fiorentina, già autrice di una raccolta intitolata Il punto, la Ugolini possiede uno stile limpido e sicuro, una notevole sobrietà di linguaggio accompagnata da una tematica complessa e ricca di sfumature. «Viva la poesia che lavora nell’ombra, che punge e duole come l’ortica, che quieta s’apparta, che alfine implode, necessaria e durevole dopo decenni di una vita sua segreta e depauperata!» (Mariella Bettarini)”.

cms_22525/1.jpgLiliana Ugolini (notizie che apprendiamo dal sito https://www.lilianaugolini.it/) era nata nel 1934 a Firenze. Ha pubblicato libri di poesia, di prosa, di teatro: Il Punto (self-publishing, NdA), La baldanza scolorata (Gazebo), Flores (Gazebo), Bestiario (Gazebo), Fiapoebesie/vagazioni (Gazebo), Il corpo-Gli elementi (Massa delle Fate), Celluloide (Stelle cadenti), Una storia semplice (Morgana), L’ultima madre e gli aquiloni (Polistampa), Marionetteemiti (Esuvia), Pellegrinaggio con eco (Gazebo), Imperdonate (Morgana), Spettacolo e Palcoscenico (Campanotto), A. Nera dalle Voyelles di Rimbaud, Mito e Contagio (Morgana), Gioco d’ombre sul sipario (Gierre Grafica), La pasta con l’anima (Pianeta Poesia),Carnivore (Pianeta Poesia), Oltre Infinito 1 e 2.0 manifesto con Vincenzo Lauria (Autoedizione), In Boboli (Autoedizione), La Pissera (Ripostes), Delle Marionette, dei Burattini e del Burattinaio (Genesi), Des Marionnettes (The Book Edition) e Tuttoteatro (11 drammaturgie, Joker cura di Sandro Montalto) da cui sono stati prodotti 11 spettacoli andati ripetutamente in scena, un film Delle Marionette a cura di Andrea Baggio e 2 opere: Eros e Thanatos con musiche di Stefano Burbi e voci soprano e mezzosoprano e voce recitante, e Cus Cus concerto da camera con musiche di Tommaso Pedani e 3 voci recitanti. Sono inoltre in rete 4 e.book: Ironia dell’ombra (Antologia), Gli occhi di Prometeo con Roberto R. Corsi per la Biblioteca di Rebstein e Il Confessionale e l’Apostolato e Figurine per La Recherche. Cura, in “Pianeta Poesia” con Franco Manescalchi per il Comune di Firenze, la poesia performativa e la scrittura in scena.

Per la poesia contemporanea ha curato con Franco Manescalchi l’antologia “Carteggio” (Polistampa), Pianeta Poesia Documenti 1 per il Comune di Firenze, Pianeta Poesia Documenti 2 (Polistampa), Pianeta Poesia Documenti 3 (Il Bandino Pianeta Poesia). Collabora con l’Associazione Multimedia91 all’Archivio Voce dei Poeti e fa parte del gruppo performativo “Cerimonie Crudeli”.

cms_22525/3.jpgPer molti anni ha scritto in assoluta riservatezza. Il tanto materiale accumulato è stato pubblicato (tolta la plaquette negli anni ’80) a partire dagli anni ‘92 in 19 libri di poesia, 5 in prosa e 4 di teatro, come in parte i nostri lettori hanno appena appreso e a meno che anche a noi sia sfuggito qualcosa. Presente in diversi blog di poesia, per i suoi quasi sessant’anni di attività anche i social, ora, dovrebbero renderle omaggio. Per quella riservatezza di una vita che non l’ha mai vista sgomitare. Per la qualità dei suoi versi che la collana gazebo seppe accogliere e valorizzare sin dalle prime pubblicazioni. Per tutti quelli che invece credono che alla poesia sia sempre necessaria una recensione in più, un riconoscimento ulteriore, una via facile e breve per uno stuolo di like. “È evidente a tutti come il deflagrare dei nuovi mezzi di comunicazione, abbia irrorato e drogato il mercato delle ambizioni e la fiera delle vanità. Al punto che il metro di misura, aureo e plumbeo al tempo stesso, è il perfido simboletto del pollice in su.” (Alfredo Rienzi).

Il Burattino

Il Burattino s’anima di mani
sfiora la testa, ride d’occhi
e le manine sgomente alzano
al cielo lo stupore per caduta
inerti nel biancore d’un grembiulino.
La voce narra e il burattino
sensibile si muove con la grazia del cuore
del Burattinaio. Insieme fanno persona
che narra la storia fuori dall’ Artificio

Raffaele Floris

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos