POKER DEL BARI CONTRO L’AVELLINO. SI RIVEDE LA TERNANA

Auteri: “Vittoria meritata. Stiamo sereni, perché c’è tempo per recuperare”

1_gruppo_e_stadio_sscbari_ok.jpg

Dopo l’amaro pareggio ottenuto contro la Vibonese nel turno precedente, il Bari si riscatta immediatamente battendo l’Avellino 4-1 in virtù delle reti di Marras, Celiento, Antenucci (doppietta) e Bernardotto, per gli irpini, in pieno recupero.

Il Bari, dunque, risponde sul campo come meglio non poteva. Una vittoria importante che permette alla squadra biancorossa, tra l’altro, di riavvicinarsi alla capolista Ternana fermata sul proprio campo da una sorprendente Turris.

Al termine di questo quindicesimo turno, dunque, il Bari rientra prepotentemente in corsa per il primo posto. Vincendo a Palermo mercoledì prossimo, infatti, il distacco dagli umbri – che riposeranno – potrebbe ridursi a -4. Insomma, è ancora tutto da vedere, ma certamente il pareggio della Ternana in concomitanza con i tre punti conquistati dal Bari hanno dato nuovo slancio a tutto l’ambiente biancorosso.

cms_20384/2_Auteri_Ssc_bari_ok.jpg

“Non mi piace guardare ad altri - ha dichiarato il tecnico Auteri ai microfoni di RadioBari - ma solo a noi stessi. Dobbiamo cercare di vincere tutte le partite anche perché questi campionati si definiscono sempre a fine marzo. C’è tempo, dunque, per recuperare, ma non stiamo facendo un campionato scadente. So che Bari vuole tutto e subito, ma ci vuole tempo. La squadra è in crescita e questo è l’importante. Oggi abbiamo vinto con merito e poi gestito il secondo tempo in vista della gara di mercoledì. Noi abbiamo indotto all’errore l’avversario con un pressing alto e questo la dice lunga sul nostro atteggiamento. E l’Avellino aveva preso appena 3 gol prima di venire qui. Perciò stiamo sereni e tranquilli. A volte si dicono tante cazzate come quelle che ho sentito su Simeri. Palermo? Non è uno snodo importante”

Ed in effetti si tratta di una vittoria di valore anche perché ottenuta contro una squadra che prima di scendere al San Nicola aveva subìto appena tre reti e conquistato in trasferta ben 13 punti (quattro vittorie, un pareggio ed una sola sconfitta) su 6 partite disputate, a differenza degli 11 punti maturati al ‘Partenio’ (tre vittorie, due pareggi e tre sconfitte) su 8 match giocati. Tre punti, dunque, di grande spessore. Tornando alla gara, invece, c’è ben poco da dire. Si tratta di un risultato che si commenta da solo. Una vittoria mai messa in discussione agevolata sicuramente dai gravi errori difensivi – anche se provocati dal Bari - soprattutto in occasione dei primi due gol.

Premesso ciò il Bari è stato bravo ad approfittarne e a blindare il match segnando le quattro reti già nella prima frazione di gioco. Nella ripresa, infatti, la squadra biancorossa ha controllato la partita e colpito anche una traversa con D’Ursi sugli sviluppi di un calcio d’angolo prima di subire il gol della bandiera in pieno recupero.

Bene la prova della squadra a livello corale sia in fase offensiva che in quella di non possesso con diversi recuperi degli attaccanti e centrocampisti. Ma meritano una nota a parte Marras e Antenucci per i gol, le giocate di qualità e per la personalità mostrata contro l’Avellino.

Ma non c’è il tempo per gioire perché fra tre giorni il Bari sarà di scena al ‘Renzo Barbera’ di Palermo, per un’altra sfida emozionante e tutta da vivere prima della pausa natalizia.

(Foto di sscalciobari.it – si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos