PIÙ RENDIMENTO E MENO STRESS PER INSEGNANTI E STUDENTI CON LA MEDITAZIONE TRASCENDENTALE

A rivelarlo uno studio frutto del progetto “Friends”, condotto in Italia, Belgio, Portogallo e Gran Bretagna

1590271115Copertina.jpg

Il recente resoconto del progetto “Friends”, volto ad indagare l’andamento della didattica a distanza in Italia, Gran Bretagna, Belgio e Portogallo, ha rivelato gli effetti benefici della Meditazione Trascendentale (MT) su studenti e insegnanti. Il progetto di cui sopra è gfinanziato dal programma Erasmus Plus dell’Unione Europea, nato per favorire l’inclusività, contrastare ladispersione scolastica erimuovere fattori di stress nei contesti di apprendimento. Il programma che ha trattato la tematica della meditazione è intitolato “Momento di Quiete con la Meditazione Trascendentale”.

cms_17605/Foto_1.jpg

La ricerca è stata condotta introducendo 10-15 minuti di MT all’inizio e alla fine di ogni giornata scolastica. Si tratta di tecniche insegnate in Italia dall’Associazione Meditazione Trascendentale Maharishi, i cui risultati in termini di riduzione di stress, aumento di creatività e miglioramento delle relazioni interpersonali sono stati suffragati da diversi decenni di ricerca scientifica. Complessivamente, hanno partecipato alla ricerca 900 soggetti facenti parte del personale scolastico, tra insegnanti, tecnici e amministrativi, e 1800 studenti (in buona percentuale di origine straniera o provenienti da contesti sociali svantaggiati).

Gli studenti che hanno seguito il programma di MT hanno riportato un maggiore senso di benessere, con netti miglioramenti nel rendimento e nel potenziamento delle proprie capacità di integrarsi proficuamente nel contesto scolastico. Sono emersi benefici anche per gli insegnanti, che sono risultati meno esposti al rischio di burnout e più resilienti rispetto alle situazioni di stress.

cms_17605/Foto_2.jpg

Una ricerca che, forte del credito ottenuto a livello europeo, stimola future iniziative in tal senso, che potrebbero affiancare quelle attualmente messe in atto, basate su approcci del tutto differenti, per fronteggiare problemi nevralgici del mondo della scuola, come il bullismo e la dispersione.

Per saperne di più sullo studio rimandiamo al sito internet www.friends-project.eu/it.

Riferimenti Social Network del Progetto Friends:

Facebook: www.facebook.com/FRIENDSprojectEU/

Youtube: www.youtube.com/channel/UCE06ndM2ISrhdDhPwkKODnA

Vincenza Amato

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram