PERCORSI DI-VINI

Offida docg

R10_Offida_DOCG.jpg

cms_22927/1.jpgLa regione Marche non viene quasi mai menzionata tra le regioni con più alta produzione di vini di qualità come la Toscana, la Sicilia oppure la Puglia. In realtà vi è all’interno un territorio particolarmente vocato per la coltivazione di alcuni vitigni, avendo una orografia prevalentemente collinare e l’esposizione dei vigneti prevalentemente est-sud est, è il caso dell’Offida DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) ed è il luogo dove nascono la Passerina, il Pecorino, il Montepulciano.

La denominazione DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita) viene assegnata nel 2011 prendendo il nome di Offida derivante da un antico comune situato nella provincia di Ascoli Piceno. Con la denominazione Offida DOCG si intende racchiudere in essa l’Offida Passerina DOCG, l’Offida Pecorino DOCG, l’Offida Rosso DOCG. La coltivazione di questi vitigni è concentrata nella parte sud della regione tra le provincie di Ascoli Piceno e Fermo e comprende un’area che va dalla zona litoranea sino ad arrivare ad una media alta collina. L’altitudine dei vigneti coltivati è compresa tra 50 e 650 msl.

cms_22927/2_1629766346.jpg

Uva Passerina

cms_22927/3.jpg

Uva Pecorino

Ma perché questa DOCG è particolarmente interessante? Diciamo subito che il terreno su cui si coltiva è prevalentemente formato da argilla con un buon drenaggio ed una porosità che consente alle radici di calarsi in profondità per andare a raccogliere i migliori nutrimenti della terra. I vini prodotti su questo territorio non sono riproducibili altrove e presentano caratteristiche di assoluta eleganza ed armonia. I bianchi presentano alla vista un colore giallo paglierino con riflessi dorati tipici dei prodotti, mentre all’olfatto sentori di frutta tropicale e fiori bianchi come la ginestra, al gusto sono freschi, minerali con un retrogusto persistente. I rossi si presentano tendenzialmente morbidi e avvolgenti con note di frutti rossi e sentori di liquirizia e cioccolato. Gli abbinamenti ideali per il Pecorino di Offida sono crostacei e frutti di mare mentre per la Passerina di Offida si consigliano piatti vari a base di pesce e minestre con verdure. Per i Rossi di Offida gli abbinamenti più indicati sono piatti a base di carni rosse, formaggi e salumi.

cms_22927/4.jpg

Vigneti a Offida

Nel territorio dell’Offida DOCG esiste da sempre, una particolare interazione dell’uomo con la natura a garanzia dell’eccellenza produttiva. E’ sufficiente effettuare una gita in questi luoghi per testare da vicino l’accuratezza e la dedizione con cui l’uomo coltiva le sue vigne. Vi è una attenta analisi della salute delle vigne, un continuo monitoraggio che crea simbiosi. In questi luoghi si confonde chi fa cosa, è la vigna a produrre per l’uomo oppure è l’uomo al servizio della vigna?

Non si percepisce una risposta certa, si può soltanto degustare il risultato di anni di lavoro, apprezzandone con assoluta obiettività ciò che la terra per mano degli uomini ci ha donato lasciandosi ammaliare dal canto delle sirene se solo per un attimo chiudiamo gli occhi e lasciamo parlare i nostri sensi, cercando con essi la nostra personale interazione con la natura.

Buona degustazione.

Carlo Dugo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos