PAROLA DEL GIORNO

Sabato 11 Aprile 2020

FEDE_11_4_20.jpg

LETTURA DEL GIORNO

Le letture di oggi, sabato Santo, sono tratte dalla Liturgia delle Ore – Ufficio delle Letture

Dalla Lettera agli Ebrei

Poiché dunque abbiamo un grande sommo sacerdote, che ha attraversato i cieli, Gesù, Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione della nostra fede. Infatti non abbiamo un sommo sacerdote che non sappia compatire le nostre infermità, essendo stato lui stesso provato in ogni cosa, a somiglianza di noi, escluso il peccato. Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, per ricevere misericordia e trovare grazia ed essere aiutati al momento opportuno.

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Matteo

Deposero il Signore nella tomba, e rotolata una gran pietra sulla porta del sepolcro, la sigillarono, e misero guardie a custodire il sepolcro.

PAROLE DEL SANTO PADRE

cms_17004/La_voce_del_Santo_Padre.jpg

Dio rimuove le pietre più dure, contro cui vanno a schiantarsi speranze e aspettative: la morte, il peccato, la paura, la mondanità. La storia umana non finisce davanti a una pietra sepolcrale. Ciascuno stasera è chiamato a ritrovare nel Vivente colui che rimuove dal cuore le pietre più pesanti. Chiediamoci anzitutto: qual è la mia pietra da rimuovere, come si chiama questa pietra? (Omelia del sabato santo 20 aprile 2019)

https://media.vaticannews.va/media/audio/s1/2020/03/28/12/135539445_F135539445.mp3

Redazione

Tags: fede,chiesa,parabola,bibbia,papa,cardinale,vescovo,monsignore

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App