NOTTE DA SOGNO CHAMPIONS PER NAPOLI E INTER

IL NAPOLI VINCE A SALISBURGO 3-2, MENTRE L’INTER BATTE IN CASA IL DORTMUND 2-0

24_10_2019_CHAMPIONS_LEAGUE.jpg

Positivo il bilancio delle quattro squadre italiane in questo terzo turno della fase a gironi di Champions League. Al di là della batosta subita dall’Atalanta, infatti, da registrare i tre successi di Juve (martedì), Napoli e Inter.

SALISBURGO - NAPOLI: 2-3

Dopo la deludente prova contro il Genk, si riscatta il Napoli di Ancelotti che batte in trasferta il Salisburgo 3-2. Una vittoria sofferta ma meritata che permette alla squadra campana di consolidare il primato nel girone. Al termine di questo terzo turno, quindi, la situazione in classifica è la seguente: Napoli (7 punti) davanti al Liverpool (6), poi Salisburgo (3) e Genk (1).

LA PARTITA

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

Il tecnico del Salisburgo, Jesse Marsch, con il 4-4-2, schiera: Stankovic; Kristensen, Ramalho, Wober, Ulmer; Daka, Junuzovic, Mwepu, Minamino; Hwang, Haaland.

cms_14652/2_ancelotti_ADNKRONOS.jpg

Con lo stesso modulo l’allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti, manda in campo: Meret; Malcuit, Luperto, Koulibaly, Di Lorenzo; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Zielinski; Lozano, Mertens.

Buon avvio del Napoli che si rende subito pericoloso con Mertens (2’), ma è bravo il portiere Stankovic a deviare la sfera in angolo. Qualche minuto dopo, tuttavia, Mertens (17’) con un tiro all’incrocio porta in vantaggio il Napoli. Buona la reazione del Salisburgo. Ci prova Haaland (25’), ma il suo tiro da buona posizione è respinto ottimamente da Meret. Poi è la volta di Daka (36’), ma anche in questa occasione Meret si supera e devia in angolo. Qualche minuto più tardi tuttavia, gli sforzi profusi dal Salisburgo vengono premiati. Haaland (40’), infatti, trasforma un calcio di rigore – decretato dall’arbitro per un fallo in area di Malcuit ai danni di Hwang - e pareggia per la squadra di casa. La ripresa regala ancora emozioni. Dopo un inizio equilibrato, infatti, il Napoli passa nuovamente in vantaggio con Mertens (65’) che calcia in rete con precisione. La gioia dei campani, però, dura poco perché Haaland (72’) indovina un gran colpo di testa che vale il nuovo pareggio del Salisburgo. Sembra finita, ma un minuto dopo Insigne (73’) regala la vittoria al Napoli che la rilancia in classifica al primo posto.

INTER - B. DORTMUND: 2-0

Dopo il pareggio interno contro lo Slavia Praga nella gara d’esordio e la sconfitta immeritata di Barcellona, arriva la prima vittoria in Champions League anche per l’Inter sempre più di Conte. A “San Siro”, infatti, davanti a circa 65.000 spettatori la squadra nerazzurra batte meritatamente il Dortmund 2-0 e si rimette in corsa per la qualificazione. La situazione in classifica, pertanto, al termine della terza giornata vede il Barcellona al comando della classifica con 7 punti. A seguire, Inter (4) B. Dortmund (4), Slavia Praga (1).

LA PARTITA

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

cms_14652/Conte_adnkronos.jpg

Con il 3-5-2 l’allenatore dell’Inter, Antonio Conte, schiera: Handanovic; Godin, De Vrij, Skriniar; Candreva, Barella, Brozovic, Gagliardini, Asamoah; Lautaro Martinez, Lukaku.

Il tecnico del Borussia Dortmund, Lucien Favre, invece, con il 4-3-3 opta per: Burki; Hakimi, Akanji, Hummels, Schulz; Delaney, Weigl, Witsel; Sancho, Brandt, T. Hazard.

Primo tempo sostanzialmente equilibrato che vive di fiammate. In una di queste l’Inter passa in vantaggio grazie ad un gran gol di Martinez (23’) su assist di De Vrij. Proprio sul finire di tempo, tuttavia, arriva la prima e unica occasione anche per il Borussia, ma il destro incrociato di Sancho (45’) viene intercettato ottimamente da Handanovic.

Equilibrio e ritmi bassi caratterizzano anche la ripresa. Così, il primo tiro pericoloso nello specchio della porta arriva a metà tempo. Brandt (65’) tira dal limite, ma trova pronto ancora uno strepitoso Handanovic. Risponde l’Inter con Martinez (72’), ma il suo tiro viene miracolosamente deviato in angolo. Il finale di gara però si accende e regala emozioni. Martinez (82’) si fa parare un rigore – fischiato dall’arbitro per fallo su Esposito – da Burki e due minuti più tardi ancora l’argentino in evidenza con un destro che termina tra le braccia del portiere. Ma proprio allo scadere del tempo regolamentare Candreva (89’) chiude definitivamente il match con un gran gol al termine di una veloce ripartenza.

(Foto interne da adnkronos.com - Si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App