MILANO DIGITAL FASHION WEEK

COLLEZIONI UOMO E RESORT UOMO-DONNA PRIMAVERA/ESTATE 2021

MILANO_DIGITAL_FASHION_WEEK.jpg

A stretto giro dalle prime digital fashion week dedicate all’haute couture e alle collezioni uomo di Parigi, Milano risponde con la sua digital fashion week, fatto salve le due sfilate live della maison Etro e della maison Dolce&Gabbana che ritorna a sfilare nell’alveo della Milano fashion week. La fashion week meneghina ha presentato le collezioni uomo e le collezioni resort (le resort sono delle mini collezioni che anticipano le collezioni vere e proprie che vengono immesse nel mercato qualche mese prima della collezioni principali) uomo-donna per la primavera-estate 2021. Dal quattordici al diciassette luglio scorsi Milano è stata la vetrina del Made in Italy presentato in tre fusi orari per raggiungere clienti, fashion editor e buyers di tutto il mondo. A presentare, via streaming, il calendario delle sfilate è stato il Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, Carlo Capasa con il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala e Carlo Maria Ferro, Presidente di ICE Agenzia partner della fashion week meneghina. Il Sindaco di Milano ha tenuto a rimarcare l’importanza e l’indotto del fashion system per la città meneghina e viceversa: “Milano è la moda, la moda è Milano. Dopoquello che è successo, dobbiamo cercare una nuova normalità”. E’ stato il magazine The New York Times a trasmettere al grande pubblico i video delle presentazioni, mentre Urban Vision ha dislocato in punti strategici della città, come piazza Duomo e piazza San Babila, dei maxi schermi che hanno mandato, ventiquattro ore su ventiquattro, tutti gli eventi. Grande assente è stato il designer Giorgio Armani che presenterà le sue collezioni uomo-donna delle sue due linee, Giorgio Armani ed Emporio Armani il prossimo settembre. Stesso mese scelto della maison Fendi che presenterà le sue collezioni il ventidue settembre a Roma nel suo quartier generale situato a Palazzo della Civiltà, mentre la sfilata della maison Versace è ancora in via di definizione, se optare per il format digitale o quello live.

cms_18321/foto_1.jpg

Una delle protagoniste della prima giornata è stata la maison Prada che ha presentato una collezione distinta in cinque capitoli, cinque vie tra cui scegliere per descrivere e rappresentare se stessi attraverso un outfit. La collezione Prada “Multiple Views” è stata creata da cinque designers ai quali la designer della maison, Miuccia Prada ha lasciato totale libertà di creare e di immaginare l’uomo e la donna per la prossima primavera-estate. “Quando i tempi diventano complessi, gli abiti diventano semplici, non ostentati” ha affermato la designer proponendo abiti funzionali, quasi degli strumenti per vivere la vita, dal lavoro al tempo libero. I tessuti sono resistenti e pronti a sfidare il tempo e le mode, il nylon, da sempre il tratto distintivo di Prada, è il tessuto d’elezione assieme alla pelle. Il minimal-chic, da sempre la cifra stilistica della milanesità a cui Miuccia Prada ha saputo dare corpo ed anima ha contagiato anche i cinque designers. La palette colori è rarefatta e mai predominante, una collezione “concettuale” che conquisterà i fedelissimi della maison, ma che difficilmente raggiungerà il gusto del grande pubblico.

cms_18321/foto_2.jpg

Per la presentazione della collezione resort 2021 la designer Alberta Ferretti ha immaginato un viaggio virtuale attraverso le città italiane più conosciute all’estero. Il video intitolato “A tribute to Italy” è una dichiarazione d’amore all’Italia con la speranza che gli stranieri tornino a sognare di visitare il bel paese. Con lo sfondo dei monumenti e delle piazze più conosciuti le modelle indossano tutti i codici della maison: femminilità, romanticismo, eleganza. La collezione punta tutto sul daywear con meravigliose giacche, wrap dress e pantaloni dalla linea comfy, per Alberta Ferretti la prossima stagione ci saranno meno occasioni per sfoggiare abiti da sera. La moda del futuro deve puntare su materiali resistenti, linee pulite e capi da indossare nelle situazioni diurne. I long dress, se pur in minoranza, ci riportano al sogno dell’organza, dello chiffon, del pizzo, del raso di seta, dei drappeggi.

cms_18321/foto_3.jpg

All’hotel Four Season di Milano, nel quadrilatero della moda, si è tenuta la prima sfilata live anche se a numero chiuso. Per la prima volta i fratelli Etro, Veronica e Kean, presentano insieme le loro collezioni, la collezione primavera-estate 2021 uomo del designer Kean e la collezione resort 2021 donna della designer Veronica. La colonna sonora della sfilata è stata un omaggio al maestro Ennio Morricone recentemente scomparso ed ha scandito puntualmente l’uscita dei long dress in stampa paisley, dei twin-set e dei cardigan dal mood comfy. E’ stata una collezione resort che ha puntato sulla comodità e su una palette colori dalle nuance polverose che visivamente trasmettono un senso di calma e un rimando al mood etno-chic che da sempre ha caratterizzato le collezioni della maison Etro. E’ stata una grande emozione poter assistere ad un fashion show dal vivo, con la musica, con una location dall’estetica sublime, con gli abiti che prendono vita attraverso il movimento delle modelle. Dopo tanto digitale il fashion system, grazie ad Etro, ha ricominciato a riprendersi un pezzo di quel sogno che solo una sfilata dal vivo può regalare.

cms_18321/foto_4.jpg

Le collezioni uomo-donna primavera-estate 2021 “Epilogue” della maison Gucci, e mai titolo fu più azzeccato, hanno chiuso il sipario sulla digital fashion week di Milano. Il video è andato in onda durante una diretta streaming durata dodici ore dove sono stati svelati alcuni degli outfit che sfileranno live a Palazzo Sacchetti nella città di Roma. Alla fine del video gli spettatori si sono resi conto di essere stati catapultati dietro il backstage della prossima campagna pubblicitaria della maison diretta dal creativo, Alec Soth e che ad indossare gli outfit sono stati gli stessi artigiani che hanno realizzato i capi. Gli indizi del video ci portano a pensare che il designer, Alessandro Michele continuerà nel solco dell’amato mix and match di stili, stampe, colori, tessuti e quel tocco di surreale che da tempo contraddistinguono le sue collezioni e che continuano ad incontrare il favore dei millennials. Il comparto degli accessori, che resta quello più remunerativo per Gucci, per la prossima primavera-estate incontra, soprattutto le iconiche borse, celebrano il mondo dei cartoon che ha riscontrato un consenso unanime tra i buyers giapponesi e cinesi.

A dispetto di Parigi, la città meneghina ha deciso per un mix and match tra sfilate live ed eventi digitali, anche se le sfilate fisiche sono state in netta minoranza hanno comunque riacceso una fievole luce sul futuro del fashion system che, come ribadito da Parigi ed oggi anche da Milano, non potrà essere completamente in formato digitale. La fashion week milanese, come quella parigina, hanno riscoperto l’eleganza della comodità, dei tessuti che devono essere pensati per resistere nel tempo e degli abiti che devono essere pensati per oltrepassare i trend del momento. Se per alcuni questo ritorno alla creatività frugale del passato è sembrato una buona scelta, per molti altri queste collezioni con “i piedi ben piantati per terra” sono sembrare opache, collezioni che non hanno acceso i sogni di buyers, fashion editor e clienti e che soprattutto non hanno fatto il loro lavoro: riaccendere la voglia di tornare ad acquistare vestiti ed accessori.

T. Velvet

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App