MIGRANTI, ENNESIMA TRAGEDIA ALLA VIGILIA DI NATALE

Nave si capovolge nell’Egeo

1640450652Copertina.jpg

Anche a Natale non si fermano i naufragi di migranti nel Mediterraneo. Almeno 16 persone sono morte venerdì scorso, quando la loro barca si è ribaltata al largo dell’isola greca di Paros, nel Mar Egeo centrale, nel terzo disastro marittimo che ha coinvolto i migranti questa settimana. Ad affermarlo è stata la Guardia Costiera greca.

Le autorità hanno effettuato un’operazione di ricerca e soccorso in mare durante la notte a nord-ovest di Paros, ma non è mancato l’utilizzo di mezzi aerei di supporto.

cms_24244/Foto_1.jpg

La Grecia è una delle principali vie di accesso all’Unione europea per migranti e rifugiati provenienti sia dall’Africa che dal Medio Oriente e dall’Asia centrale, sebbene il flusso si sia ridotto rispetto ai recenti anni cruciali, 2015 e 2016, quando più di un milione di persone hanno attraversato il paese diretti verso altri stati dell’Unione Europea.

Secondo alcune agenzie di stampa greche i corpi di 12 uomini, 3 donne e un bambino sono stati recuperati nella zona. Si ritiene che a bordo dell’imbarcazione - che secondo la guardia costiera sarebbe stata diretta in Italia dalla Turchia - ci fossero 80 persone. Le circostanze in cui la nave si è capovolta non sono state rese note.

cms_24244/Foto_2.jpg

Giannis Plakiotakis, ministro greco dei trasporti, ha ribadito che ad essere responsabili dei disastri in mare sono le bande di trafficanti di esseri umani. Questi criminali "sono indifferenti alla vita umana, accatastando dozzine di persone, senza giubbotti di salvataggio, in navi che non sono conformi ai più elementari standard di sicurezza" ha affermato in una nota scritta.

Venerdì scorso, alla Vigilia di Natale, le autorità greche avevano già dichiarato di aver recuperato 11 corpi dal luogo di un altro naufragio, quando una barca a vela che trasportava migranti è affondata il giorno precedente al largo di un’isoletta disabitata nel sud della Grecia. Altre 90 persone sono state salvate in quell’operazione. La guardia costiera greca ha detto che le prime informazioni suggerivano che anche l’intero traffico umano fosse diretto verso l’Italia.

Carlo Coppola

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram