MARCEL MANGEL

Vite che fanno la storia

1649909773Marcel_Mangel_R2_VITE_CHE_FANNO_LA_STORIA.jpg

Marcel Mangel quando era piccolo amava i film di Charlie Chaplin e spesso improvvisava piccoli spettacolini per i suoi genitori, nella loro casa di Strasburgo.

Era una vita serena, ma tutto cambiò brutalmente con l’occupazione nazista: suo padre, colpevole solo di essere ebreo, fu arrestato, deportato e in seguito, ucciso ad Auschwitz.

Marcel, non ancora ventenne, decise di unirsi alla resistenza francese, si procurò documenti falsi e un nuovo cognome.

cms_25634/F0.jpgEntrò in un’unità segreta. Tra i suoi compiti: aiutare i bambini ebrei rimasti orfani a fuggire dalla Francia, per trovare rifugio nella Svizzera neutrale.

Non era facile. Marcel doveva far finta di accompagnare i bambini in vacanza in montagna, ma loro avevano paura e c’era il rischio che si facessero scoprire. Marcel sapeva benissimo che se i nazisti li avessero scoperti, sarebbero stati tutti uccisi. Quindi doveva assolutamente trovare un modo per intrattenerli e farli stare tranquilli.

cms_25634/f1.jpg

Intrattenerli, ma in silenzio.

cms_25634/F2.jpg

Così, ricordandosi degli spettacolini che improvvisava da piccolo, iniziò a fare il mimo per i bambini che così si tranquillizzavano. In questo modo Marcel riuscì a portare a termine tutte le sue missioni e a salvare una settantina di bambini.

Quando la guerra finì, Marcel decise di conservare il cognome che aveva scelto come copertura durante gli anni della Resistenza, per usarlo come nome d’arte per quella che diventerà una sfavillante carriera di mimo e di attore. Sì, perché Marcel Mangel, in arte Marcel Marceau, è stato sicuramente il mimo più amato del mondo.

cms_25634/F3.jpg

Per quasi tutta la vita non ha mai parlato del suo passato nella Resistenza francese, scegliendo anche in questo ambito il silenzio, quel silenzio che ha caratterizzato tutta la sua arte.

Poi, pochi anni prima della sua morte (avvenuta nel 2007), Marceau ha raccontato:

“Mi chiamo Mangel. Sono ebreo. Ho pianto per mio padre, ma ho anche pianto per i milioni di persone che sono morte. Il destino ha permesso a me di vivere. Questa grazia implica una grande responsabilità: devo portare speranza alle persone che ancora soffrono e lottano”.

Storie da raccontare, e da raccontare ancora....

La Farfalla della gentilezza(Valentina M. Donini)

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram