Liberty in the streets of the capital: discover an unusual and secret Rome

1597628885Liberty_in_the_streets_of_the_capital_discover_an_unusual_and_secret_Rome.jpg

cms_18691/10.jpg

In Italy the name "liberty" derives from that of the warehouses founded in London in 1875 by A. Lasenby Liberty, specialized in the sale of products from the Far East.

cms_18691/5.jpg
The Art Nouveau artists preferred Nature as a source of inspiration but evidently stylized its elements and expanded this repertoire with the addition of algae, blades of grass, insects. The liberty, therefore, found its greatest success in architecture, leaving posterity one of the most lasting testimonies. The artistic current of Liberty will dissolve with the beginning of the First World War but many Italian cities, including Rome, will retain the architectural apparatus of many palaces and villas to keep intact the historical memory of the period of the Bella Époque.

cms_18691/6.jpg

With these words Gabriele D’Annunzio, poet, playwright, one of the greatest writers of the Italian twentieth century symbol of Decadentism, speaks of Rome in his novel Il Piacere: “Rome was his great love: not the Rome of the Caesars, but the Rome of the Popes; not the Rome of the Arches, of the Baths, of the Forums, but the Rome of the Villas, Fountains and Churches. He would have given the whole Colosseum for the Villa Medici, the Campo Vaccino for the Spanish Steps, the Arch of Titus for the Fontanella delle Tartarughe. The princely magnificence of the Colonna, Doria, Barberini attracted much more than the ruined imperial grandeur. "(G. D’Annunzio, Il Piacere, 1888).

cms_18691/7.jpg

This is the beginning of the famous novel "Il Piacere". We are in the rooms of Palazzo Zuccari, at the beginning of via Gregoriana, just after crossing the Spanish Steps, climbing the steps of Trinità de’ Monti, whose clock is striking three-thirty. Elena Muti is about to arrive, the beautiful woman with whom Andrea had had a stormy relationship that had suddenly stopped two years earlier. Now she, who is married to an English lord and lives abroad, is about to reach the old lover, who awaits her in a scenario that is the quintessence of the taste of liberty, the decò, which sometimes ends up becoming truly Kitsh here is the juniper wood that burns in the fireplace, the brocatelle curtains with a flowery texture, exquisitely made teacups decorated with mythological figures and a great profusion of fragrant flowers inside crystal cups, leaves, petals, "A big rose white, which gradually disintegrated, languid, soft with something feminine”.

If the Rome celebrated by D’Annunzio is the best known and renowned for its most famous and iconic monuments: the Colosseum, the Imperial Forums, St. Peter’s Square, the Circus Maximus, the Baths of Caracalla, at the turn of the late nineteenth and the first decades of the twentieth century, the Art Nouveau district of the capital was designed by a group of architects among which the figure of Gino Coppedè will emerge. It is a novelty, a provocation with a classic taste, the Art Nouveau district of Rome in the Nomentano district, although remodeled in the following years, retains the rebellious soul of the designers which is still visible through the eclectic decorative apparatus, the stylistic features linked to the mythology, esotericism, symbolism, mystery but also irony and provocation to continue living a dream even in adulthood.

cms_18691/8.jpg

The Gino Coppedè neighborhood, the work of the architect of the same name, enjoys a central core and a series of buildings that radially depart from Piazza Mincio. Between Piazza Buenos Aires and via Tagliamento, the neighborhood has 26 buildings and 17 villas, all built between 1916 and 1927. Designed for a middle class, it soon became an elegant neighborhood. On the facades of the buildings you can read the Greek influences in the friezes, Assyrian-Babylonian in the masks, medieval in the turreted façades and in the dreamlike scenarios of monstrous or fantastic shapes, up to the more complex references of art nouveau (or liberty) in the references to Floreal patterns. An extravagant explosion of shapes, geometers and colors from the fantastic and allegorical world. On Piazza Mincio, the Fontana delle Rane is a real milestone for the Beatles fans, who after a concert at the Piper disco took a bath in clothes. The Villino delle Fate, immersed in an exotic garden, is a fairytale house for the anthropomorphic figures of cherubs and garlands, falconers with their hawks, nuns and monks, as well as mythological and zodiacal animals. For the surreal and disturbing dimension of some glimpses, this neighborhood was set of more than one film, including those of the horror director Dario Argento who shot Inferno and The Bird with Crystal Feathers.

cms_18691/2.jpg

Villa Paganini B&B: stay in a Roman villa in the Liberty district of Rome

It seems that most of the inhabitants of Rome have never been there or that they are not even aware of its existence. But during a holiday in the capital, between the Colosseum, the Trevi Fountain and St. Peter’s Square, it would be good to leave a small space for the Coppedè District. The proximity to the park of Villa Paganini makes it a stop not to be missed. This is the most daring artistic-architectural experiment ever undertaken in Rome, if not in the whole of Italy: here Liberty, neo-Gothic, kitsch, baroque and modernism merge.

cms_18691/3.jpg
In this context that combines art with an architecture out of the ordinary for originality and aesthetics, the B&B Villa Paganini was born. The latter proposes a stay in a single-family villa of the late 1800s, inserted in a prestigious residential area, in a maze of streets, gardens and Art Nouveau villas that create an unexpected island in the center of Rome. The cottage is surrounded by a large equipped garden, where during the summer it is possible to have breakfast, sunbathe, read and rest.

The B&B takes its name from the adjoining Villa Paganini, and enhances the memory path of the most important villas of the Capitoline city, giving the rooms the names of Pamphili, Borghese and Torlonia.

cms_18691/4.jpg

The structure, which has just been restored, has three superior category rooms, finished in every detail, furnished with class and elegance, equipped with en suite bathroom, hair dryer, safe, adjustable air conditioning, plasma TV, satellite, soundproof windows; respects the standards imposed to ensure high level hospitality and no surprises in the Bed and Breakfast formula. The three bedrooms of B&B Villa Paganini, spacious and elegant, maintain the beauty of the nineteenth-century architecture of the past, with their high vaulted ceilings and warm parquet floors.

Guests, at any time of the day, can enjoy a coffee or tea, a free set at their disposal. The villas and gardens adjacent to the B&B allow you to enjoy a pleasant jog.

cms_18691/italfahne.jpgIl Liberty tra le vie della capitale: scopri una Roma insolita e segreta

In Italia il nome “liberty” deriva da quello dei magazzini fondati a Londra nel 1875 da A. Lasenby Liberty, specializzati nella vendita di prodotti provenienti dall’estremo oriente. Gli artisti dell’Art Nouveau prediligevano la Natura come fonte di ispirazione ma ne stilizzarono evidentemente gli elementi e ampliarono tale repertorio con l’aggiunta di alghe, fili d’erba, insetti. Il liberty, dunque, trovò nell’architettura il suo maggior successo, lasciando ai posteri una delle testimonianze più durature. La corrente artistica del Liberty si dissolverà con l’inizio della prima guerra mondiale ma molte città italiane, tra cui Roma, conserveranno l’apparato architettonico di molti palazzi e ville per mantenere intatta la memoria storica del periodo della Bella Époque.

Con queste parole Gabriele D’Annunzio, poeta, drammaturgo, uno dei più grandi scrittori del Novecento italiano simbolo del Decadentismo, parla di Roma nel suo romanzo Il Piacere: “Roma era il suo grande amore: non la Roma dei Cesari, ma la Roma dei Papi; non la Roma degli Archi, delle Terme, dei Fòri, ma la Roma delle Ville, delle Fontane, delle Chiese. Egli avrebbe dato tutto il Colosseo per la Villa Medici, il Campo Vaccino per la Piazza di Spagna, l’Arco di Tito per la fontanella delle Tartarughe. La magnificenza principesca dei Colonna, dei Doria, dei Barberini l’attraeva assai più della ruinata grandiosità imperiale.” (G. D’Annunzio, Il Piacere, 1888).

Questo l’incipit del celebre romanzo “Il Piacere”. Siamo nelle stanze di Palazzo Zuccari, all’inizio di via Gregoriana, appena attraversata piazza di Spagna, salita la scalinata di Trinità de’ Monti, il cui orologio sta suonando le tre e mezza. Sta per giungere Elena Muti, la bellissima donna con cui Andrea aveva avuto una tempestosa relazione che si era improvvisamente interrotta due anni prima. Ora lei, che è sposata con un lord inglese e vive all’estero, sta per raggiungere l’antico amante, che l’attende in uno scenario che è la quintessenza del gusto del liberty, del decò, che talvolta finisce per diventare davvero Kitsh: ecco allora il legno di ginepro che arde nel caminetto, le tende di broccatello dalla trama fiorita, tazze da tè di squisita fattura decorate con figure mitologiche e una grande profusione di fiori profumatissimi dentro coppe di cristallo, foglie, petali, “Una grande rosa bianca, che si disfaceva a poco a poco, languida, molle con qualche cosa di feminino”.

Se la Roma celebrata da D’annunzio è quella più conosciuta e rinomata per i suoi monumenti più famosi e iconici: il Colosseo, i Fori Imperiali, Piazza San Pietro, il Circo Massimo, le Terme di Caracalla, a cavallo tra fine ottocento e le prime decadi del Novecento, viene progettato il quartiere Art Nouveau della capitale a firma di un gruppo di architetti tra cui emergerà la figura di Gino Coppedè. Si tratta di una novità, una provocazione al gusto classico, il quartiere Art Nouveau di Roma nel quartiere Nomentano, seppur rimaneggiato negli anni successivi, conserva l’anima ribelle dei progettisti che è tuttora visibile tramite l’apparato decorativo eclettico, gli stilemi legati alla mitologia, all’esoterismo, alla simbologia, al mistero ma anche all’ironia e alla provocazione per continuare a vivere un sogno anche in età adulta.

Il quartiere Gino Coppedè, opera dell’omonimo architetto, gode di un nucleo centrale e di una serie di edifici che dipartono radialmente da piazza Mincio. Tra piazza Buenos Aires e via Tagliamento, il quartiere conta 26 palazzine e 17 villini tutti costruiti tra il 1916 e il 1927. Progettato per un ceto medio, divenne presto un quartiere signorile. Sulle facciate degli edifici si leggono le influenze greche nei fregi, assiro-babilonese nei mascheroni, medioevali nei prospetti turriti e negli scenari onirici delle forme mostruose o fantastiche, fino ad arrivare ai più complessi riferimenti dell’art nouveau (o liberty) nei richiami ai motivi floreali. Una stravagante esplosione di forme, geometri e colori provenienti dal mondo fantastico e allegorico. Su Piazza Mincio, la Fontana delle Rane è un vero e proprio luogo miliare per i fans dei Beatles, i quali dopo un concerto alla discoteca Piper vi fecero un bagno vestiti. Il villino delle Fate, immerso in un giardino esotico, è una casa delle fiabe per le figure antropomorfe di putti e ghirlande, falconieri con i loro falchi, monache e frati, oltre ad animali mitologici e zodiacali. Per la dimensione surreale e inquietante di alcuni scorci, questo quartiere fu set di più di una pellicola, tra cui quelle del regista horror Dario Argento che vi girò Inferno e L’uccello dalle piume di cristallo.

Villa Paganini B&B: soggiorna in una villino romano nel quartiere Liberty di Roma

Pare che la maggior parte degli abitanti di Roma non ci sia mai stato o che addirittura nemmeno sia a conoscenza della sua esistenza. Ma durante una vacanza nella capitale, tra Colosseo, Fontana di Trevi e Piazza San Pietro, sarebbe bene lasciare un piccolo spazio per il Quartiere Coppedè. La vicinanza al parco di Villa Paganini lo rende una tappa da non perdere. Si tratta dell’esperimento artistico-architettonico più audace mai intrapreso a Roma, se non nell’Italia intera: qua si fondono liberty, neogotico, kitsch, barocco e modernismo.

In questo contesto che unisce l’arte ad una architettura fuori dal comune per originalità ed estetica nasce il B&B Villa Paganini. Quest’ultimo propone un soggiorno in un villino unifamiliare di fine ’800, inserito in una zona residenziale di pregio, in un dedalo di strade, giardini e villini in stile Liberty che creano un’isola inaspettata nel centro di Roma. Il villino è circondato da un grande giardino attrezzato, dove durante la bella stagione è possibile consumare la prima colazione, prendere il sole, leggere e riposarsi.

Il B&B prende il nome dalla contigua Villa Paganini, ed esalta il percorso di memoria delle ville più importanti della città capitolina, conferendo alle stanze i nomi di Pamphili, Borghese e Torlonia.

La struttura, appena restaurata dispone di tre camere di categoria superiore, rifinite in ogni dettaglio, arredate con classe ed eleganza, dotate di bagno in camera, asciuga capelli, cassaforte, aria condizionata regolabile, TV al plasma, satellite, finestre insonorizzate; rispetta gli standard imposti per garantire un’ospitalità di alto livello e senza sorprese nella formula Bed and Breakfast. Le tre camere di B&B Villa Paganini, spaziose ed eleganti, mantengono inalterata la bellezza dell’architettura ottocentesca di un tempo, con i loro alti soffitti a voltini e i pavimenti in caldo parquet.

Gli ospiti, in qualsiasi momento della giornata, possono usufruire di un caffè o di un tè, a loro disposizione un set gratuito. Le ville ed i giardini attigui al B&B permettono di praticare un gradevole jogging.

Domenico Moramarco

Tags: Liberty Roma Villa Paganini

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram