LIBIA, FALSO ALLARME A MISURATA

Una serie di esplosioni all’aeroporto avevano fatto pensare a un raid di Haftar, ma in realtà si trattava di un incidente

LIBIA,_FALSO_ALLARME_A_MISURATA.jpg

Nessun bombardamento aereo ha colpito avantieri sera un deposito di munizioni nella città-Stato di Misurata. Lo affermano fonti provenienti da Tripoli: “Non c’è stato alcun raid ieri sera sul deposito di munizioni Misurata. Si è davvero trattato di incendio, non si sa se doloso o spontaneo”. È stato inoltre assicurato che non ci sono stati feriti.

Il falso allarme era scattato nella serata del 6 maggio, quando una serie di esplosioni all’aeroporto di Misurata avevano fatto pensare a un raid aereo delle forze di Haftar. Addirittura, molti dei principali quotidiani avevano dato per certo l’avvenuto attacco. Poi, nel pomeriggio del giorno dopo, è arrivata la smentita.

La fuga di false notizie, comunque, è un termometro della confusione attuale nella zona libica. Infatti, dopo che in un primo momento si era pensato che l’allerta pandemica avrebbe portato ad una tregua delle ostilità, la sete di potere di Haftar ha avuto di nuovo il sopravvento sul buon senso: la scorsa settimana, il generale ha dichiarato il golpe dalla Cirenaica, cancellando i poteri del presidente della Camera Agila Salah e del capo del governo Abdullah Al Thinni per "rispondere alla richiesta del popolo libico", ricevendo però la condanna da parte da tutte le principali potenze mondiali. Nel frattempo, gli attacchi dell’Lna (la milizia di Haftar) sono continuati, costringendo così le truppe governative sotto il comando di al-Sarraj a rispondere di conseguenza.

A Tripoli le truppe governative da giorni sono all’offensiva verso il confine tunisino e hanno rotto l’assedio della capitale. Dopo avere occupato l’aeroporto di Al Wattia, adesso puntano verso sud.

cms_17393/2.jpg

Come risposta le brigate del generale Haftar ieri hanno tirato razzi contro il quartiere residenziale di Abu Salim, nel cuore della metropoli, uccidendo diversi civili. Ci si aspetta che da un momento all’altro Haftar passi all’offensiva contro la capitale. A quel punto, si potrebbe arrivare alla definitiva resa dei conti, che sarebbe decisiva per la stabilità dei Paesi del Mediterraneo, Italia compresa.

Per questo motivo, non sorprende che l’incidente di Misurata abbia creato un allarme iniziale. Certo, forse a volte sarebbe il caso che i mezzi di informazione si preoccupino di dare notizie corrette, piuttosto che di darle prima rispetto ai concorrenti.

Giulio Negri

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App