LE PREVISIONI PER IL 2023 DEL DEBITO PUBBLICO RISPETTO AL PIL NEI PAESI OCSE

Il Covid ha fatto segnare un +18% nel valore medio del debito pubblico in percentuale del PIL

LE_PREVISIONI_PER_IL_2023_DEL_DEBITO_PUBBLICO_RISPETTO_AL_PIL_NEI_PAESI_OCSE.jpg

cms_28078/Ocse-1-2e329.jpgL’OCSE calcola il valore delle passività finanziarie pubbliche in percentuale del PIL nei paesi OCSE. I dati hanno un andamento previsionale.

La serie storica, infatti, copre il periodo tra il 2014 ed il 2023. Sono stati considerati soltanto i paesi aventi serie storica completa. La Norvegia, avente serie storica con missing data, è stata esclusa dall’analisi.

Ranking dei paesi OCSE per valore del debito pubblico in percentuale del PIL nel 2023. Il Giappone è al primo posto per valore del debito pubblico in percentuale del PIL nel 2023 con un valore pari a 244,72%, seguita dalla Grecia con un valore pari a 202,76% e dall’Italia con un valore pari a 172,36%. A metà classifica vi sono l’Islanda con un ammontare pari a 81,85%, seguita dalla Slovacchia con un ammontare pari a 78,20% e dalla Germania con un valore pari a 78,10%. Chiudono la classifica la Svizzera con un ammontare pari a 40,57%, il Lussemburgo con un ammontare pari a 34,60%, e l’Estonia con un valore pari a 23,70%. In media il valore dell’indebitamento pubblico in percentuale del PIL nei paesi OCSE è stato pari ad un valore di 93,92%.

cms_28078/Foto_1.jpg

Ranking dei paesi OCSE per variazione percentuale del valore dell’indebitamento pubblico in percentuale del PIL tra il 2014 ed il 2023. L’Estonia è al primo posto per valore della variazione percentuale del valore del debito pubblico in percentuale del PIL pari ad un valore di 71,29% ovvero pari ad un valore di 9,87 unità, seguita dall’Australia con un valore pari a 65,52% pari ad un ammontare di 25,69 unità, e dalla Finlandia con un valore pari a 29,77% pari ad un ammontare di 21,15 unità. A metà classifica vi è l’Italia con un valore pari a 9,07% pari ad un ammontare di 14,33 unità, seguita dalla Grecia con un valore pari a 8,58% pari ad un ammontare di 16,02 unità, e dall’Islanda con un valore pari a 7,51% pari ad un ammontare di 5,72 unità. Chiudono la classifica la Svezia con un ammontare pari a -23,1% pari ad un ammontare di -13,24 unità, la Danimarca con un valore pari a -28,33% pari ad un ammontare di -16,75 unità, l’Irlanda con un valore pari a -51,06% pari ad un ammontare di 62,69 unità. In media tra il 2014 ed il 2023 è prevista una variazione pari ad un ammontare di 7,35% pari ad un valore di 3,578 unità.

cms_28078/Foto_2.jpg

Clusterizzazione con algoritmo k-Means ottimizzato con il metodo di Elbow. Di seguito viene ad essere realizzata una clusterizzazione con algoritmo k-Means ottimizzato con il metodo di Elbow. L’analisi mostra che il numero ottimale di clusters è pari a 3. I clusters vengono così ad essere individuati:

  • Cluster 1: Repubblica Ceca, Lettonia, Danimarca, Corea del Sud, Svezia, Svizzera, Nuova Zelanda, Australia, Lussemburgo, Israele, Islanda, Estonia, Polonia, Slovacchia, Paesi bassi, Germania, Finlandia, Irlanda;
  • Cluster 2: Grecia, Giappone, Italia;
  • Cluster 3: Regno Unito, Spagna, Francia, Belgio, Stati Uniti, Austria, Canada, Portogallo, Slovenia, Ungheria.

Considerando il valore della mediana dei clusters è possibile individuare i seguenti elementi: Cluster 2-C2 pari ad un ammontare 202,76 unità, Cluster 3-C3 pari ad un ammontare di 127,12 unità, Cluster 1-C1 pari ad un ammontare di 60,54. Ne deriva sostanzialmente che i paesi del Nord Europa con l’aggiunta di Nuova Zelanda, Australia e Israele, hanno dei valore del debito pubblico in percentuale del PIL che è pari a circa la metà dei paesi del Cluster 3 e circa 3 volte il valore mediano dei paesi del cluster 2.

cms_28078/Foto_3.jpg

Network analysis con distanza di Manhattan. Di seguito viene analizzata una network analysis con l’utilizzo della distanza di Manhattan. Sono state individuate 4 strutture a network complesse e 3 strutture a network semplificate.

Esiste una struttura a network complessa tra Regno Unito, Spagna e Francia. In modo particolare:

  • Il Regno Unito ha una connessione con la Spagna per un valore pari a 0,16 unità, e con la Francia per un valore pari ad un ammontare di 0,23 unità;
  • La Francia ha una connessione con il Regno Unito pari ad un ammontare di 0,23 unità, e con la Spagna per un valore pari a 0,24 unità;
  • La Spagna ha una connessione con il Regno Unito pari ad un valore di 0,16 unità, e con la Francia pari ad un ammontare di 0,24 unità.

Esiste una struttura a network complessa tra Svezia, Danimarca e Lettonia. In modo particolare:

  • La Svezia ha una connessione con la Danimarca pari ad un ammontare di 0,12 unità;
  • La Danimarca ha una connessione con la Svezia pari ad un ammontare di 0,12 unità, e con la Lettonia pari ad un valore di 0,27 unità;
  • La Lettonia ha una connessione con la Danimarca per un valore pari a 0,27 unità.

Esiste una connessione tra Israele, Polonia e Paesi Bassi. In modo particolare:

  • Israele ha una connessione con la Polonia per un valore pari a 0,28 unità;
  • La Polonia ha una connessione con Israele pari ad un valore di 0,28 unità e con i Paesi Bassi pari ad un valore di 0,27 unità;
  • I Paesi Bassi hanno una connessione con la Polonia pari ad un valore di 0,27 unità.

Esiste una struttura a network complessa tra Svizzera, Nuova Zelanda, Corea del Sud e Repubblica Ceca. In modo particolare:

  • La Svizzera ha una connessione con la Nuova Zelanda per un valore pari a 0,18 unità, e con la Corea del Sud pari ad un valore di 0,18 unità;
  • La Nuova Zelanda ha una connessione con la Svizzera per un valore pari a 0,18 unità e con la Corea del Sud per un valore pari a 0,23 unità;
  • La Corea del Sud ha una connessione con la Svizzera per un valore pari a 0,18 unità, con la Nuova Zelanda per un valore pari a 0,23 unità, e con la Repubblica Ceca per un valore pari a 0,27 unità;
  • La Repubblica Ceca ha una connessione con la Corea del Sud per un valore pari a 0,27 unità.

Inoltre esistono 3 strutture a network semplificate:

  • La Slovenia e l’Ungheria hanno una connessione per un valore pari a 0,21 unità;
  • La Finlandia e la Germania hanno una connessione per un valore pari a 0,27 unità;
  • La Repubblica Ceca e l’Islanda hanno una connessione per un valore pari a 0,22 unità.

cms_28078/Foto_4.jpg

Conclusioni. Il valore dell’indebitamento pubblico in percentuale del PIL tra il 2014 ed il 2023 è previsto in crescita di circa il 4,00% ovvero di un ammontare pari a 3,58 unità. Considerando la media dei paesi OCSE risulta che il valore dell’indebitamento pubblico in percentuale del PIL è diminuito significativamente nel periodo tra il 2014 ed il 2019 passando da 89,37% fino ad un valore di 83,15% ovvero una riduzione di 6,2 punti pari al -6,9%. Tuttavia, tra il 2019 ed il 2020 il valore dell’indebitamento pubblico in percentuale del PIL è cresciuto da un ammontare di 83,15% fino ad un valore di 98,84% ovvero di un ammontare pari a 15,6 unità pari ad un valore del 18,86%. Successivamente il valore dell’indebitamento pubblico in percentuale del PIL, considerato sempre come media dei paesi OCSE ha ricominciato a diminuire ed è previsto che tale riduzione sia protratta anche nel 2023. Il Covid ha quindi avuto un enorme impatto nell’incremento del debito pubblico dei paesi OCSE calcolato in percentuale del PIL. Tuttavia, nelle previsioni dell’OCSE, la crisi energetica attuale e l’inflazione non comporteranno un ulteriore incremento dei debiti pubblici, considerati come valore medio, quanto piuttosto una lieve riduzione pari a -0,58 unità tra il 2022 ed il 2023.

cms_28078/Foto_5_.jpg

Angelo Leogrande

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram