LEO MESSI ALL’INTER: UNA SMENTITA TRA SOGNO E REALTÀ

DA MORATTI A ZHANG UN DESIDERIO NEL SEGNO DELLA CONTINUITÀ

COPERTINA_10_4_2020_R_L__messi_ok.jpg

Messi all’Inter? Per Martin Castilla – giornalista di Tnt Sports - la trattativa sarebbe stata addirittura già avviata dalla società nerazzurra. Per Leo Messi, invece, si tratta di una “Fake news”. Cosa ci sia di vero, ad oggi, non si può sapere, ma di certo una notizia come questa stuzzica eccome la fantasia di tutti i tifosi e amanti del calcio italiano che vedrebbero riproporsi il derby spagnolo di qualche anno fa - tra Ronaldo (Real) e Messi (Barcellona) - anche in Italia tra Juventus e Inter, match considerato per antonomasia il Derby d’Italia.

In realtà il talento argentino, in forza al Barcellona, era stato fortemente cercato già nel 2010 dall’ex Presidente dell’Inter, Massimo Moratti, il quale aveva più volte parlato con il padre del calciatore per provare a strapparlo alla squadra spagnola, ma, all’epoca, il forte legame tra il calciatore e il club catalano era tale che non se ne fece più nulla.

cms_16989/2_Moratti_adnkronos_ok.jpg

Ma Massimo Moratti non ha mai dimenticato Leo Messi. Così, intervistato a “Radio anch’io sport”, su Rai Radio1, ha espresso nuovamente – a distanza di dieci anni - il desiderio di vedere Messi a Milano: "Credo che in questo momento Messi non sia un sogno proibito per l’Inter e forse non lo era neanche prima della terribile disgrazia del coronavirus. Ora è a fine contratto e penso che ci possa essere uno sforzo della società per cercare di portarlo a Milano".

Chiaramente le parole dell’ex Presidente Moratti - ancora vicino alla società nerazzurra - unite alle rivelazioni fatte alla Tv argentina dal giornalista Castilla, hanno scatenato la fantasia del popolo nerazzurro che ha intravisto un collegamento tra le sue dichiarazioni e il reale interessamento dell’Inter verso il fuoriclasse del Barcellona, affermazioni che, all’indomani, sono state puntualmente ridimensionate al “Mundo Deportivo” e ricondotte, dallo stesso Moratti, come le parole e “il sogno di un semplice tifoso”, non riconducibili pertanto alla società nerazzurra.

cms_16989/3_zhang_ipa_adnkronos_ok.jpg

Effettivamente, al di là della notizia poi smentita da Messi, il tempo dirà se si sarà trattato di una semplice e piacevole suggestione o di qualcos’altro, ma i presupposti questa volta potrebbero esserci realmente, vista anche la competenza e l’autorevolezza del giovane Presidente dell’Inter Steven Zhang, l’uomo giusto al posto giusto.

Innanzitutto perché ormai, da tempo, i rapporti tra Leo Messi e la società blaugrana non sono più idilliaci. L’ultimo scontro con il Presidente del Barcellona, Josep Maria Bartomeu, è avvenuto, tra l’altro, proprio recentemente in occasione del taglio degli stipendi. In secondo luogo perché, in virtù di una clausola contrattuale a lui favorevole, Messi potrebbe svincolarsi un anno prima della scadenza naturale del contratto. In questo modo il calciatore argentino, se volesse, potrebbe liberarsi a giugno di quest’anno consentendo all’Inter di sostenere solo l’elevato costo dell’ingaggio.

Il terzo motivo - già accennato - dipende dalla forza contrattuale e dall’ambizione del giovane Zhang che avrebbe le possibilità economico-finanziarie per portarlo in seno all’Inter.

Infine, il tempo. Questa, per Leo Messi, potrebbe essere probabilmente l’ultima possibilità per cambiare e vincere con un’altra squadra, per giocare con nuovi stimoli e ad alti livelli. Anche perché l’Inter prenderebbe Messi per vincere, non certo per mettere in atto solo una buona strategia di marketing.

cms_16989/4_Messi_Ronaldo_adkronos_afp_ok.jpg

E poi, perché no, ci sarebbe per lui la possibilità di contendere - e ancora insieme nello stesso campionato - il pallone d’oro al suo antico rivale, Cristiano Ronaldo.

Insomma, nonostante le dichiarazioni di facciata vere o presunte che siano, le premesse ci sarebbero tutte e i tempi potrebbero essere maturi per un suo trasferimento in Italia.

Ma al di là delle suggestioni o delle possibili pressioni dell’Inter, Messi potrebbe cambiare squadra solo se lo volesse lui. I calciatori di questo livello – come è stato nel caso di Ronaldo per la Juve – cambiano solo se sono fortemente motivati e in cerca di nuove sfide. Pertanto, alla fine, la decisione spetterebbe soltanto a lui.

Tuttavia, pur prendendo atto della smentita di Messi e dell’insistenza di Tnt, la semplice notizia di un possibile trasferimento della Pulce all’Inter ha fatto sognare, sia pur brevemente, tanti tifosi. E non è poca cosa, soprattutto in un momento drammatico come questo.

Poi, se sarà stata fantasia o realtà, lo dirà solo il tempo.

(Foto da adnkronos.com Afp e Ipa– si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App