LA VITA DELLE COSE

1616635602LA_VITA_DELLE_COSE_NR_13_I_SEGRETI_DELLA_PAROLE.jpg

cms_21368/0.jpg

I fuochi degli inverni, le giornate

sospese nella neve hanno il pudore

sconfitto dei ricordi... La credenza

di noce aveva l’aria un po’ scortese,

da primadonna. Crepitava l’oro

nella premura incerta della stufa.

Poi rise marzo, se ne andò l’estate,

giunse novembre, stanco di tornare

sul gelido morire delle cose.

Ora chi abiterà nella tua casa,

e dove abiterà la nostra vita ?

Per questo, padre, forse ti consola

quel lume acceso che ti ho regalato:

non so perché; ma tu, tu mi sai dire

se siamo morti dentro quelle cose ?

Oh, se rinascerai nella tua casa

dalle il respiro lieve delle cose,

falla fiorire sulla nostra vita!

cms_21368/2.jpgPunto di riflessione:

Una poesia che si concentra sulla persistenza della morte, sul ricordo che ci fa vivi e pietosamente volti all’indietro in atto di invocazione, ma protesi, al contempo, nella direzione non invertibile della «freccia del tempo». Il «respiro lieve delle cose», aliene alla coscienza ma più permanenti di noi, è sottratto alla dimensione umana del cambiamento e rimanda all’Essere; un Essere che diviene grazie a loro avvertibile e fruibile.

(Mauro Ferrari, dalla Prefazione al libro “Ultima Chiusa”)

Raffaele Floris

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos