LA TAVOLA DELLA POESIA (TerzaParte)

Grazia Stella Elia

LA_TAVOLA_DELLA_POESIA_TERZA__PARTE.jpg

Ci accomodiamo alla TAVOLA DELLA POESIA

Riporto l’intervista fatta a Grazia Stella Elia e alcuni versi che ha voluto dedicarci.

cms_23230/L_INTERVISTA.jpg

Quando hai scoperto la magia della poesia e quando hai cominciato a scrivere?

Fin da bambina imparavo e recitavo le poesie con grande gioia e, quando qualcuno mi chiedeva cosa volessi fare da grande, come per istinto rispondevo che avrei voluto fare la poetessa. Il vero fascino della poesia mi giunse in quarta ginnasiale, studiando in modo approfondito varie poesie di Giovanni Pascoli, con la valida guida i un’ottima professoressa.

Quel Pascoli che amo tanto e la cui influenza, secondo molti critici, si percepisce nella mia scrittura.

Scrivevo pensieri poetici e mia madre metteva da parte tanti foglietti sparsi, ma fu negli anni ottanta che vide la luce la mia prima raccolta di poesie Nostalgia di mare.

Quali sono gli argomenti ispiratori dei tuoi versi, dei tuoi libri?

L’argomento ispiratore principe della mia poesia è certamente la mia terra natia, con le sue peculiarità di natura e di costumi. Ho scritto poesia in lingua e in dialetto. Alcuni libri sono monografici, quali Versi d’azzurro fuoco, un canzoniere d’amore in lingua italiana che, secondo i critici, si riallaccia ai lirici greci; L’anima e l’ulivo, Canti dell’ulivo, Aspettando l’angelo(versi di riflessione e meditazione nell’attesa della partenza definitiva) e, ultimo in ordine di tempo, Alle radici dei versi.

Sono stata definita “la poetessa degli ulivi” e questo mi fa onore, perché è grande il mio amore per questa pianta emblematica della Puglia, che campeggia nello stemma della nostra Regione.

Quanto conta nella tua produzione letteraria il paese, le origini, la tua storia?

cms_23230/grazia_stella2.jpgTutta la mia scrittura, a cominciare da quella demologica (saggistica, linguistica e poetica), è imperniata sugli usi e costumi, sulle tradizioni e sulla struttura socio – culturale della mia terra e della mia gente.

Non sarei quella che sono, se non fossi nata qui, in questa piana del Tavoliere, ai piedi del Gargano, a pochi chilometri dal mare.

Per amore del mio paese ho impiegato tre decenni della mia vita nello studio e nella ricerca linguistica, sfociati nel 2004 nella pubblicazione del ponderoso Dizionario del dialetto di Trinitapoli(1.200 pagine, pref. di Manlio Cortelazzo, come Tullio De Mauro massimo linguista d’Italia). Un enorme libro inserito nella prestigiosa Biblioteca dell’Accademia della Crusca e in quella dell’ALI (Atlante Linguistico Italiano) presso l’Università di Torino.

Per amore del mio paese ho scritto e pubblicato Il matrimonio e altre tradizioni popolari, un voluminoso libro di saggistica demologica.

Per amore del mio paese ho scritto libri di poesia in vernacolo “casalino”.

Un mondo sociale, ambientale, storico ed economico: un mosaico nel quale trova posto, come semplice tassello, la mia vita di donna, di moglie, di madre, di insegnante e di studiosa.

Quali sono i tuoi autori preferiti, le letture significative per la tua formazione?

Ho già accennato al mio incontro, quasi determinante, con la poesia di Giovanni Pascoli, negli anni del Ginnasio. Dopo la maturità classica ho letto i versi di tanti poeti, soprattutto classici. In seguito mi sono dedicata alla lettura di poeti più vicini nel tempo, quali Ungaretti, Quasimodo, Montale, Luzi, Marniti, Spaziani, Merini..

Amo soprattutto Ungaretti e Quasimodo, ermetici dalla pregnante sintesi, i cui libri hanno un posto fisso sul mio comodino.

Ho letto tanti, centinaia di libri, di poesia e di narrativa, che ho recensito con serietà obbiettiva, cercando di entrare nelle pieghe del lavoro letterario di ciascun autore.

Si tratta di letture attente e puntuali, che non mancano di darmi arricchimento umano e culturale.

Cosa consigli ai giovani che vogliono avvicinarsi o si stanno avvicinando al mondo della scrittura poetica?

Ai giovani, a tutti i giovani, consiglierei di leggere, leggere, leggere tanta poesia, ma poca per volta, riflettendo e meditando.

Direi loro di leggere la poesia sana, quella vera, mai volgare e di far leva sui loro sentimenti più veri, più sinceri e autentici, quando la poesia arriverà e si farà sentire.

Sarà come un bisogno dell’anima, che si tramuterà in parole.

Cosa pensi dei reading poetici? Sono utili alla diffusione della poesia?

I reading poetici sono utili dal punto di vista sociale. Infatti favoriscono gli incontri con vecchi e nuovi amici. E importante che siano coordinati e gestiti da persone serie, che amino e promuovano la poesia vera, senza lasciarsi abbagliare dalla falsa pubblicità e dal denaro.

Vuoi dedicare un testo, alcuni versi ai lettori?

Dedico ai lettori questi versi:

POESIA

Puoi chiamarla; sì,

puoi chiamarla coi nomi più vaghi;

puoi paragonarla alle cose più belle,

più soavi, più dolci;

darle sembianza angelica

e pregarla, implorarla

che ti raggiunga…

Lei, la Poesia, non verrà,

se non quando lo vorrà.

Arriverà all’improvviso,

come vento d’aprile

o come bufera d’inverno;

come bisbiglio di brezza

o come urlo di tempesta;

come fresco tocco di rugiada

o come colpo gelido di brina;

come visione surreale

o come bellissima donna vera.

Ti prenderà, ti invaderà,

ti invaserà;

con leggerezza o con violenza

a scrivere spingerà la tua mano

e le parole da te usciranno

nuove e vitali

come creature dal parto.

Come con i figli,

vorresti seguire il loro

cammino,

sapere chi su di esse si fermi,

chi le apprezzi o le ignori.

Spesso vanno lontano,

in cerca di occhi

che leggano,

di orecchie che ascoltino.

Dolci come il miele,

tenere come l’amore materno,

dure come pietre

le parole

della signora POESIA.

E per salutarci:

LE VIOLE MAMMOLE

Finire vorrei i miei giorni

al giungere

della primavera,

nel tempo delle viole,

perché una almeno

venga messa

tra le mie mani

e con me la porti

nell’ Altrove.

Amo tanto le piccole,

odorose, semplici

viole mammole,

meravigliose nemiche

della boria.

(Trinitapoli, 2 febbraio 2012 - Grazia Stella Elia, Alle radici dei versi, Progedit. Ed. BA, 2020)

Dina Ferorelli

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram