LA SPERANZA NEL DIALOGO

Francesco incontra il patriarca di Mosca Kirill

1647471595Copertina.jpg

Ansia, paura e sgomento sono i sentimenti che compongono la nuova quotidianità. Il conflitto in Ucraina sta facendo emergere la parte peggiore dell’essere umano. Inutile negarlo: i motivi di ogni guerra sono sempre riconducibili alla lotta per il potere. Questo continuo braccio di ferro per dimostrare chi è il più forte getta nell’oblio l’intera civiltà umana.

cms_25223/Foto_1.jpeg

Tutto ruota intorno a questi concetti, perché se da un lato occorre rispettare la giustizia dall’altro dovremmo difendere la pace. Purtroppo, la tentazione di schierarsi da una parte o dall’altra, facendo il tifo quasi come in un match sportivo, rischia di strumentalizzare e inasprire lo scontro. Il dialogo resta lo strumento privilegiato per risolvere le contese internazionali e andrebbe promosso in modo ancor più vigoroso; ad oggi, invece, lo troviamo quasi accantonato. I negoziati procedono infatti a rilento e sembrano non riscuotere fiducia nella popolazione.

cms_25223/Foto_2.jpeg

Il Pontefice sta cercando in tutti i modi di far dialogare le parti, ahinoi con scarsi risultati: si continua a bombardare senza alcuna coscienza oppure si ricorre a dichiarazioni di chiaro stampo intimidatorio. Tuttavia, uno spiraglio di luce giunge dalla videochiamata intercorsa tra Papa Francesco e il patriarca di Mosca Kirill, in cui i due esponenti hanno instaurato un dialogo che potrebbe fare la differenza nell’evoluzione del conflitto. L’unità del cristianesimo sancisce la comunione tra i popoli, con l’obiettivo di preservare armonia e serenità. Ogni guerra è ingiusta, perché a perdere la vita sono sempre persone innocenti. Lo sforzo di arrivare ad una soluzione deve essere un passo deciso, senza alcun tipo di tentennamento. Russia, Ucraina, Stati Uniti e Nato hanno il dovere morale di sedersi e discutere scegliendo la via diplomatica; è la storia stessa ad imporci di riflettere. Vero, il mondo è pieno di guerre, ma possiamo partire con l’evitare quest’ultima. La Chiesa non deve parlare il linguaggio della politica bensì quello di Gesù, come ci ricorda Francesco. Pertanto, a costo di essere ripetitivi, il nostro sforzo deve essere profuso per la pace. Ne va della nostra civiltà, ne va del nostro essere europei.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram