LA FARMACIA DI MADRE NATURA

La Parietaria, fonte di allergie stagionali, ma anche erba della salute

La_Parietaria.jpg

La Parietaria officinalis è una pianta appartenente alla famiglia delle Urticaceae, volgarmente nota come muraiola per via della sua crescita su muri e pareti, o vetriola per la sua capacità di ripulire il vetro da polveri e scorie varie. I suoi fiori, piccoli e verdi, sono contornati di foglie, ovali-lanceolate, ruvide e appiccicose, che la rendono capace di attaccarsi ai muri, alle recinzioni o ai tronchi degli alberi morti, crescendo in verticale per godere della massima esposizione. Si può trovare praticamente ovunque, meglio se all’ombra e in terreni ricchi di azoto.

cms_6132/2.jpg

È una pianta piuttosto comune nelle campagne e possiede varie proprietà officinali, oltre ad essere un’ottima verdura da mangiare.

Ricca di minerali, tannini e flavonoidi, è espettorante, lenitiva della tosse e diuretica, grazie al contenuto di potassio. Aiuta nella risoluzione dei problemi della pelle – grazie anche alle mucillagini - e ha proprietà depurative e sudorifere. Nella tradizione popolare l’infuso di parietaria era consigliato per le cistiti e i disturbi dell’apparato urogenitale. Nella medicina omeopatica, le parti aeree della pianta sono utilizzate per disgregare i calcoli renali e facilitarne l’espulsione, rilassando la muscolatura liscia dell’apparato urinario.

Sotto forma di cataplasma la parietaria risulta utile per le infezioni o escoriazioni della pelle e trova impiego nella cura di alcuni tipi di dermatiti croniche. Tuttavia, al momento non vi sono studi clinici ufficiali in grado di confermare le sue proprietà terapeutiche.

cms_6132/3.jpg

Le foglie e i gambi, sono impiegati da sempre nella cucina contadina e servono a preparare minestre, frittate e misti di verdure. Benché sia una pianta commestibile non bisogna abbondare con il suo consumo, a causa degli allergeni contenuti, che nei soggetti predisposti, possono provocare prurito come altre piante urticanti dello stesso genere. La pianta fiorisce nei mesi caldi dell’anno, dalla primavera a inizio autunno, ma la stagione pollinica può durare da febbraio a ottobre, scatenando reazioni tanto temute da chi è ipersensibile al suo polline, molto piccolo e facilmente trasportabile dalle correnti d’aria. È in grado di penetrare nelle vie aeree anche in profondità, provocando lacrimazione, starnuti, bruciore alla gola, fino ad arrivare a forme gravi di laringospasmo e asma. Sintomi comuni a quelli delle altre allergie primaverili, che si fanno più forti se non si tiene sotto controllo l’alimentazione. Tutte le mucose del corpo sono infatti collegate tra loro da un sistema chiamato MALT: tessuto linfoide associato alla mucosa. Quando circolano i pollini, le mucose dell’apparato respiratorio s’infiammano per la presenza di istamina, la sostanza liberata dalle cellule immunitarie per combattere gli allergeni. Se anche l’intestino è infiammato a causa di una dieta sbagliata o ricca di cibi pieni di conservanti, l’allergia al polline peggiora.
Quali cibi bisogna evitare se si è allergici alla parietaria?

cms_6132/4.jpg

More di gelso, basilico, piselli, fico e melone. Tutti frutti capaci di provocare reazioni incrociate. In alcuni casi particolarmente gravi in cui l’allergia alla parietaria si associa ad altre allergie, sarebbe meglio diminuire il consumo degli alimenti ricchi, o attivatori di istamina: alcolici, salumi, acciughe, spinaci, pomodori, frutti di mare, cioccolata, pesce, ananas e caffè. Se si ha il sospetto che certi cibi diano fastidio, durante il periodo più a rischio, si può diradarne l’uso e concederseli non più di una o due volte a settimana. Infatti i fenomeni d’intolleranza si manifestano per accumulo.

L’ideale sarebbe arrivare alla stagione dei pollini in condizioni ottimali per il sistema immunitario, che dovrà sostenere una guerra continua contro un gran numero di allergeni. L’allergia respiratoria non guarisce con la sola dieta, ma grazie ad essa può essere ridimensionata.

Renata Are

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram