LA CHIESA DI TUTTI

Papa Francesco incontra i genitori dei figli LGBT

1600380231Copertina.jpg

Con grande clamore, ma nel silenzio che lo contraddistingue, Papa Francesco riesce nuovamente a sorprenderci, riservando parole d’amore per i figli delle famiglie LGBT, da troppo tempo bistrattati e messi ai margini della vita ecclesiale. La visione della Chiesa targata Bergoglio è sempre stata improntata sulla comunità e sul non lasciare indietro nessuno. Il concetto dell’indifferenza cozza con il magistero del pontefice, che da sempre volge il suo sguardo misericordioso verso gli ultimi e più deboli. L’incontro nell’ultima udienza ha qualcosa di storico, perché mai nessun papa nella storia aveva avuto una così grande apertura mentale. Senza troppi giri di parole, ha dichiarato alla vice presidente dell’associazione “Tenda di giornata” Mara Grassi: “Il papa ama i vostri figli così come sono, perché sono figli di Dio”. Parole intense che hanno alta portata evangelica, segno indelebile di una chiesa pronta a voltare pagina per accogliere tutti.

cms_19095/foto_1.jpg

In questi anni, la tematica LGBT è sempre stata una delle priorità di Francesco, tanto da spingerlo a svolgere numerosi incontri, per capire la difficoltà quotidiana di queste persone. Come ben sappiamo, la quotidianità sta mutando radicalmente e Francesco, ben consapevole dell’evoluzione dell’essere umano, sta cercando di mantenere a galla l’enorme vessillo della chiesa cattolica. Le difficoltà sono molteplici, soprattutto per via del grande tradizionalismo che rischia di offuscare quanto di buono fatto in questi anni. I genitori di questi giovani uomini che per anni sono stati considerati diversi hanno lanciato un grido di speranza, affinché fosse accolto.

cms_19095/foto_2.jpg

Tutte queste persone hanno storie diverse con un comune denominatore: la sofferenza di essere accettati, nelle proprie comunità parrocchiali. Pertanto, la “Tenda di giornata” è quel piccolo spiraglio di luce che riesce a far coltivare la fede queste famiglie. Infatti è nata su sollecitazione di don Davide Esposito, un sacerdote marchigiano scomparso prematuramente. Tutto questo sta facendo accrescere nuovamente il consenso nei riguardi di papa Francesco, un uomo capace di ascoltare e simbolo di una chiesa che vuole ripartire. La strada si presenta tutta in salita, ma sia l’enciclica “Amoris in laetitia” e sia il sinodo sui giovani, sono germogli concreti di una nuova rinascita. In questi difficili anni, dove l’indifferenza sembra aleggiare sul mondo intero, la testimonianza di Francesco ci aiuta ad accrescere la fiducia in una chiesa diversa e capace di farsi ultima per gli ultimi.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App