L’ITALRUGBY VINCE IN ROMANIA E SALE NEL RANKING

Con la vittoria a Bucarest per 45-6, sorpassa Samoa e Georgia nella classifica mondiale

1656729495L’ITALRUGBY_VINCE_IN_ROMANIA_E_SALE_NEL_RANKING.jpeg

Il secondo dei tre test match del tour estivo italiano, è andato di gran lunga meglio rispetto alla sfida di sabato scorso contro il Portogallo. Le mete Azzurre sono state sette contro una sola della Romania. Eppure nella prima frazione di gara non si è visto un bel gioco ordinato da parte del XV allenato da Kieran Crowly. I primi 40 minuti sono stato giocati dall’Italia in modo indisciplinato e con diverse ingenuità che ha permesso ai Dragoni di segnare sei punti su calcio piazzato, portandosi, a un certo punto della gara, anche in vantaggio. La qualità e la velocità, anche in questo match, ha fatto la differenza. E nonostante la maggiore forza fisica e migliore organizzazione di gioco dei rumeni, rispetto ai lusitani, l’Italrugby ha sfoderato, soprattutto nel secondo tempo, azioni da manuale e mete segnate grazie a un’ottima difesa e a un avanzamento veloce per le vie verticali. Questa vittoria per l’Italia (attualmente al 14° posto) è importante per il ranking mondiale, considerato che la differenza dei punti segnati rispetto alla Romania (più di 16), potrebbe consentire di superare nella classifica rispettivamente Samoa e Georgia, prossima avversaria degli Azzurri domenica prossima. Man of the match, Tommaso Allan, al rientro con la nazionale italiana.

cms_26629/foto_1.jpeg

CRONACA

Si gioca allo Stadio Arcul de Triumf di Bucarest. Nei 43 precedenti, sono 26 le vittorie azzurre e 14 rumene, più 3 pareggi. Minuto di silenzio, in ricordo di Massimo Cuttita scomparso un anno fa e che aveva allenato anche la mischia della nazionale rumena, Sono tre i titolari rispetto alla partita contro il Portogallo: Padovani, Ferrari e Capuozzo. Ritorna in maglia azzurra, Tommaso Allan. Fischio d’inizio dell’inglese Pearce. La Romania imposta la partita sul piano fisico e al primo ingresso nei 22 azzurri (7’), conquista un calcio piazzato messo a segno al 10’ da Vlaicu. L’indisciplina italiana regala un altro calcio ai padroni di casa, ma l’ovale tocca il palo esterno. Al 15’ l’Italia trova la maniera di tornare nei 22 andare in vantaggio con un gioco alla mano veloce che porta Menoncello in meta grazie a un assist di Allan che non trasforma il calcio. Altro fallo italiano (evitabile) altri 3 punti segnati da Vlaicu per il 6-5 rumeno. Manca il possesso azzurro e vengono commesse troppe ingenuità. Bene in rimessa laterale, unica maniera di mettere in difficoltà la Romania. Al 37’ Allan trova un varco sulla linea dei 5 metri dopo un bel avanzamento veloce; trasforma per il 12-6 italiano. Sullo scadere arriva la meta di Cannone grazie a uno sfondamento di Nemer della linea difensiva nei 22 dell’Italia; trasforma Allan per il 19-6.

cms_26629/foto_2.jpeg

Si riprende con un duro placcaggio di Zuliani su Dragos Ser che esce dal campo. Altro avanzamento veloce porta Alessandro Garbisi (fratello di Paolo) a segnare la quarta meta italiana; trasforma Allan per il 26-6. Nei Dopo 15 minuti c’è solo una squadra in campo: la forza fisica dei rumeni non basta e l’Italia sembra avere trovato le redini per condurre il gioco. Ancora avanzamento veloce e altra meta in accelerazione per Menoncello; Allan non trasforma. Italia in vantaggio per 31-6. Gli Azzurri difendono in modo disciplinato e avanzano veloci per le vie verticali, portando al 60’ Zanon in meta; trasforma Allan per il 38-6. Al 63’ la Romania trova l’orgoglio per andare in rimessa laterale nei 22 anziché piazzare un facile calcio tra i pali. L’Italia alza il ritmo e la Romania svanisce, Al 68 una furba in rimessa crea i presupposti per la meta di Nicotera; trasforma Allan per il 45-6. Al 71 c’è anche un rosso per Neculau per un contatto alto. L’Italia soffre negli ultimi minuti di gara, consentendo ai rumeni, in inferiorità numerica, di segnare l’unica meta (con trasformazione) della gara. Finisce 45-13 per gli Azzurri.

Marcatori Romania

Mete: Savin (79)

Conversioni: Bucur (79)

Punizioni: Vlaicu (10, 24)

Marcatori Italia

Mete: Menoncello (16, 56), Allan (38), Cannone (40), Garbisi A. (45), Zanon (60), Nicotera (68)

Conversioni: Allan (39, 40, 45, 60)

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram