L’ITALIANIZZAZIONE

UNA FOBIA DEL VENTENNIO FASCISTA

breve-storia-del-fascismo.jpg

Nonno Francesco, presidente della Corte d’appello di Trani, antifascista per eccellenza, si vide defenestrato dal suo ruolo da un giorno all’altro. Per sopravvivere dovette trasferirsi in provincia per esercitare la professione di notaio. A causa del suo status politico venne, comunque, boicottato sia dai pochi clienti del paese che dal P.N.F. (n.d.r. Partito Nazionale Fascista)

cms_2465/parla-italiano.jpg

Nelle sere d’inverno del secolo scorso, nonno Francesco, mi raccontava come il Duce con la legge 2042 del 23 dicembre 1940, avesse vietato a tutti gli Italiani di pronunciare tutte le parole straniere. Non conosco le motivazioni precise ma so di certo che questa fobia prese il nome di “Italianizzazione”. L’uso involontario di termini stranieri poteva procurare, al malcapitato di turno, seri guai con conseguente arresto.

cms_2465/Fascism.gif

Mi spiegava mio nonno, davanti al camino, che non serviva essere colti in flagrante dalle varie camicie nere, ma sarebbe bastato che un fascista infame e delatore, solitamente un vicino di casa, riferissero l’accaduto al podestà e si rischiava seriamente di ritrovarsi invischiato in un mare di guai. Bastava dialogare, a voce alta, con un amico che avevi notato la sera prima in compagnia di un’attricetta e chiedere:...”Tomas”, chi era quella “soubrette” incontrata ieri sera al “nigth” con la quale stavi avendo un “flirt”? Ti ho pure visto ballare uno “swing” dopo aver sorseggiato un “cocktail”.

cms_2465/camicie_nere.jpg

Senza volerlo avevi commesso lo stesso reato per ben sei volte. Pertanto risultavi colpevole e recidivo. Una manganellata non te l’avrebbe tolta nessuno. A seguire un bel purgante che ti avrebbe fatto stare sulla tazza per almeno due giorni e dovevi ringraziare il cielo se non ti costringevano a passare una notte su di un tavolaccio in camera di sicurezza. Alla tua domanda, legittima, di come avresti potuto esprimerti , un ceffo in camicia nera ti spiegava che avresti “dovuto” parlare in italiano secondo i canoni dettati dal duce. Ovvero avresti potuto dire: ...”Tommaso”, chi era quella “ballerina” che hai incontrato ieri sera in un “locale notturno” e che stavi “corteggiando? Ti ho pure visto ballare un “ballo svelto” dopo aver sorseggiato un “liquore”.Potrebbe sembrarvi incredibile ma era davvero così.

cms_2465/Dux.jpgLe insegne commerciali, i nomi degli alberghi e anche la toponomastica doveva riportare esclusivamente termini in Italiano. Persino lo stesso Mussolini autoproclamatosi condottiero, trasformò il termine latino “Dux” in Duce. Durante il ventennio, le etnie di madre lingua estera, (Sloveni, Albanesi o Croati) vennero duramente penalizzate. Tutta questa gente si vide trasformare il proprio cognome, con traduzioni maccheroniche, in italiano. Per esempio i cognomi Rusikovich e Oxa diventavano Russinova e Ossale. Nel caso in cui impiegati o funzionari pubblici fossero titolari di cognomi intraducibili, non potendo essere licenziati, venivano puniti con il blocco della carriera e dello stipendio. Incredibile ma vero.

cms_2465/non_ho_capito.jpg

Come cambia il mondo. Oggi, finalmente, in piena democrazia e a distanza di soli 70 anni, i nostri politici adoperano volutamente termini stranieri. Il motivo? Abbastanza semplice. Con discorsi intraducibili e incomprensibili presentano leggi e manovre economiche ai nostri danni. Importante è che il povero e bistrattato cittadino non capisca come e perchè venga violentato economicamente! Vi riporto testualmente quanto proferito da un portavoce di un ministro in carica durante il governo Monti: ”...la spending review causata dal boom dello spread che, secondo le agenzie di rating, potrebbe portare al default, causa un downgrade del welfare...” che tradotto in italiano significava semplicemente “...Italiani, rassegnatevi e continuate a fare sacrifici”.

Personalmente, pur non conoscendo molto bene la lingua inglese e volendo emulare i nostri politici, vi saluto con un “goodbye...see you”.

La coerenza dell’incoerenza!

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos