L’IMPORTANTE SCOPERTA DELL’ENI

Le stime preliminari indicano 2 miliardi di miliardi di gas al largo di Cipro

IMPORTANTE_SCOPERTA_DELL_ENI.jpg

cms_27271/0.jpgIn un periodo, come quello recente, dove il secondo problema più grave al mondo è la sempre più opprimente carenza di gas, l’ENI irrompe sulla scena e torna a far parlare di sé. Su questi lidi l’avevamo lasciata con lo scandalo petrolifero più grande della storia economica e giudiziaria italiana (ricordate il caso Oro Nero?), ma adesso la ritroviamo dalla parte giusta di questa estenuante guerra a uno dei beni primari. L’Ente Nazionale Idrocarburi annuncia, infatti, un’importante scoperta: merito del pozzo Cronos-1, posizionato nel blocco 6 a 160 chilometri al largo di Cipro e ad una profondità di 2287 metri. Nella sezione di mare ellenico controllata in comproprietà da ENI Cyprus e TotalEnergies le stime individuano più di 2 miliardi di miliardi di metri cubi di gas, per l’esattezza 2 trilioni e mezzo. A ciò si aggiungerebbe un sensibile valore potenziale che verrà calcolato con un altro pozzo e che darà il numero esatto di quanto gas si nasconde in quelle zone.

cms_27271/Foto_1.jpg

Questo perché la scoperta pone le basi migliori per trovare una soluzione efficace al problema del gas che la guerra russo-ucraina ha evidenziato in tutto il mondo. “Questa scoperta conferma l’efficacia della strategia esplorativa dell’ENI, volta a creare valore attraverso la profonda conoscenza dei pozzi petroliferi e l’applicazione delle giuste tecnologie geofisiche” si può leggere nella nota diramata dalla multinazionale italiana. Se si vanno a guardare le stime del MES (Meccanismo Europeo di Stabilità che garantisce la stabilità finanziaria) questa novità assume un peso specifico ancora maggiore. Lo stop del gas russo incide fino al 2.5% sul PIL dell’Italia e della Germania, mentre il suo peso è dell’1.7% sui consumi dell’Eurozona.

cms_27271/foto_2_copia.jpg

Anche per questo l’Unione Europea ha piani ambiziosi: ridurre i consumi del 15%, in modo tale da ridurre quest’impatto fino all’1.1%. Cifre, numeri, percentuali che se abbandonando la loro intrinseca freddezza traducono in maniera inequivocabile un solo forte desiderio: rendersi indipendenti dalla Russia, almeno per quanto riguarda delle forniture così importanti e sensibili. Proprio perché la nostra penisola è una delle più deboli sul mercato del gas del Vecchio Continente, il fatto che la scoperta sia stata fatta da un ente italiano ci dà un po’ più di voce in capitolo in questioni come queste. L’incidente diplomatico, tuttavia, è costantemente dietro l’angolo: come ben si sa Cipro è divisa in due grandi aree, la Repubblica riconosciuta a livello internazionale e la zona a nord-est sono egemonia turca, la cui superficie marina è sempre reclamata dal governo di Erdogan. Ma alla fine della fiera, come è concesso dire in questi casi, è come una gara di sopravvivenza. Oppure una guerra di logoramento, dove solo l’unione delle forze può scongiurare conseguenze che sarebbe meglio non affrontare.

(Fonti utilizzate: AGI, Tgcom24, Il Giornale)

Francesco Bulzis

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram