JOHNSON VUOLE MODIFICARE IL PROTOCOLLO SULL’IRLANDA DEL NORD

L’obiettivo sarebbe quello di renderlo unilaterale

1655263693JOHNSON_VUOLE_MODIFICARE_IL_PROTOCOLLO_SULL’IRLANDA_DEL_NORD_REGNO_UNITO_Licenze_Creative_Commons.jpg

cms_26426/0.jpgIl governo di Boris Johnson ha introdotto una legislazione che minaccia di strappare un asse centrale dell’accordo Brexit: il patto con l’Unione europea che controlla il modo in cui le merci si muovono tra la Gran Bretagna e l’Irlanda del Nord.

Questo controverso disegno di legge è arrivato appena una settimana dopo che Johnson è sopravvissuto al voto di sfiducia, spingendo i diplomatici europei, il segretario di Stato per l’Irlanda del Nord, Brandon Lewis, e i membri del partito Tory a segnalare che l’inversione unilaterale violerebbe il diritto internazionale e potrebbe innescare una guerra commerciale con il continente.

Secondo il primo ministro britannico la modifica del protocollo dell’Irlanda del Nord non è una questione così grave, nonostante si tratti, effettivamente, di infrangere la legge internazionale. Il leader ha affermato che la sua priorità è proteggere l’Accordo del Venerdì Santo che garantisce la pace fra le due “Irlande” ma che l’Unione europea minaccia una guerra commerciale se il protocollo dovesse essere modificato.

cms_26426/Foto_1.jpg

Il protocollo è un accordo stipulato fra l’Unione europea e il Regno Unito per proteggere il Mercato unico ed evitare l’introduzione di barriere fisiche al confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda. A causa del protocollo, i controlli doganali sono stati spostati sul mare d’Irlanda, creando frizioni agli scambi fra Gran Bretagna e Irlanda del Nord.

Una soluzione alquanto ovvia, potrebbe essere quella di rinegoziare il protocollo, esercitando una massima pressione sull’Unione europea, senza agire unilateralmente.

Secondo i backbencher “è tempo di tornare ad una autentica strada conservatrice, agendo con integrità, rispettando i trattati che firmiamo, rafforzando e non indebolendo la nostra preziosa Unione, sostenendo gli affari e onorando la democrazia che abbiamo promesso all’Irlanda del Nord sul protocollo. Questo disegno di legge dovrebbe essere ritirato”.

Il governo britannico pare anche diffidente nei confronti delle reazioni della Casa Bianca e del Congresso. I politici statunitensi, tra cui il presidente Biden, hanno ripetutamente avvertito Johnson di non fare nulla che potrebbe minare la pace in Irlanda del Nord. Il presidente della Camera Nancy Pelosi ha minacciato che non ci sarà mai un accordo commerciale con gli Stati Uniti, se il primo ministro sconvolge lo status quo.

Marlen Cirignaco

Tags:

Commenti per questo articolo

[*COMMENTI*]

<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos