Il selfie dell’angelo della morte sulla Promenade

Particolari macabri emergono sulla strage di Nizza. Alle 22.27 una richiesta di armi. Poi un selfie sorridente sulla scena del crimine

Il_selfie_dell’angelo_della_morte_sulla_Promenade.jpg

Continua ad arricchirsi di particolari inquietanti la strage che alle 22,45 del 14 luglio ha macchiato di rosso la Promenade des Anglais, schiacciando in poche manciate di minuti quella bellezza rapita negli scatti cinematografici che hanno reso il lungomare nizzardo tra i più celebri e romantici del mondo.

“Porta più armi” avrebbe scritto, via SMS, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, autore della strage, a uno degli uomini attualmente in stato di arresto. Il messaggio sarebbe partito alle 22,27 dal suo telefono cellulare. A riferirlo è l’emittente francese BfmTv.

Da “Le Figaro” si apprende invece che l’uomo avrebbe effettuato, a bordo del camion prenotato il 4 luglio, alcuni sopralluoghi il 12 e il 13.

cms_4251/foto_2.jpg

Francois Molins, procuratore di Parigi, ha precisato che il camion noleggiato è stato ritirato dal killer a Saint-Laurent-du-Var, l’11 luglio.

Ancor più raccapricciante il selfie tra la folla inviato al fratello poco prima di compiere l’atroce impresa.

“Era molto felice e contento, rideva. Ha detto che era a Nizza con i suoi amici europei per celebrare la festa nazionale". Ha raccontato Jabeur all’emittente francese M6.

Intanto un uomo e una donna sono stati tratti in arresto stamattina. È quanto si apprende dal quotidiano “Le Figaro”, mentre l’ex moglie di Bouhlel, in stato di fermo da venerdì, veniva rimessa in libertà, dopo essere stata a lungo interrogata dagli inquirenti.

cms_4251/foto_3.jpg

Salgono a sette dunque le persone sospettate. Tra queste una coppia di albanesi. Alle 22,00 del 17 luglio sarebbero state tutte trasportate al quartier generale dell’antiterrorismo di Levallois-Perret, alle porte di Parigi.

Si accorcia, fortunatamente, la lista degli italiani dispersi. L’unità di crisi della Farnesina comunica che è stata rintracciata la famiglia Sermoneta di cui era stata segnalata la scomparsa, ma che non si trovava in Francia.

Ancora tragiche le condizioni di 18 feriti su 85 in degenza ospedaliera, fra cui un bambino. Questi i dati dell’ultimo bollettino medico diramato dal ministro della Salute francese Marisol Touraine. Tutti identificati, tranne uno.

Silvia Girotti

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram