I LEGISLATORI ROVESCIANO IL GOVERNO BULGARO DI PETKOV DOPO UN VOTO DI SFIDUCIA

I_LEGISLATORI_ROVESCIANO_IL_GOVERNO_BULGARO_DI_PETKOV_DOPO_UN_VOTO_DI_SFIDUCIA_BULGARIA_Bandiera.jpg

cms_26536/1656013478IMG_20220623_212941.jpgQuesta settimana i deputati bulgari hanno votato una mozione di sfiducia contro il primo ministro Kiril Petkov sulle sue politiche fiscali ed economiche.

La mossa potenzialmente pone le basi per un nuovo turno elettorale. Tuttavia, il partito centrista di Petkov ha una seconda possibilità di proporre un governo ai legislatori.

Il voto arriva dopo che la coalizione di governo ha perso la sua maggioranza tra le controversie sulla spesa di bilancio e allo sblocco della procedura di adesione all’Unione Europea della Macedonia del Nord. Il voto per rovesciare il governo, che è salito al potere solo 6 mesi fa, ha visto 123 delegati votare a favore e 116 contro.

cms_26536/Foto_1.jpgTuttavia, la coalizione iniziò a sembrare instabile subito dopo l’invasione russa dell’Ucraina, che accentuò le divisioni con il governo. Mentre Petkov ha assunto una forte posizione pro-europea e pro-NATO fin dall’inizio della guerra, la Bulgaria ha conservato forti legami storici con Mosca. Petkov licenziò il suo ministro della difesa poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina per essersi rifiutato di chiamarla “guerra”. Alla luce di questi fatti il partito conservatore di Bojko Borisov presentò rapidamente una mozione di sfiducia in cui si evidenziava il fallimento della politica economica e finanziaria del governo in mezzo all’inflazione salita alle stelle.

Il paese potrebbe quindi affrontare la sua quarta elezione generale dall’aprile 2021. Potrebbero essere a rischio milioni di euro provenienti dai fondi di recupero dell’UE, così come i piani del paese di adottare l’euro nel 2024.

cms_26536/Foto_2.jpeg

Il primo ministro bulgaro potrebbe evitare nuove elezioni e colloqui formali di coalizione con altri partiti se mai ci fossero abbastanza defezioni tra i legislatori per ottenere il sostegno per un nuovo governo. Altrimenti, potrebbe trarre vantaggio il partito di Borisov - così come partiti filo-russi quale il Revival nazionalista.

Tale risultato potrebbe ritardare l’adesione all’UE di alcuni paesi dei Balcani occidentali e rafforzare l’influenza russa nella regione.

Marlen Cirignaco

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos