I BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA

Castel San Vincenzo ( IS )

1633662573R1_Castel_San_Vincenzo_IS_.jpg

Questa parte della regione appartenne fino alla metà del Quattrocento all’Abbazia di San Vincenzo al Volturno, importantissimo centro economico e culturale finché non fu saccheggiata e distrutta dai saraceni.

cms_23413/2_1633662591.jpg

Il territorio apparteneva in età angioina all’Abruzzo Citra ed in epoca aragonese fu inserita nella provincia campana di Terra di Lavoro; ne furono poi signori, tra gli altri, fino al 1585, i de Reale, i Pandone, i Marchesano che proprio in quell’anno vendettero i possedimenti ai de Regina, riportando le terre nell’orbita del contado molisano e del Regno di Napoli.

cms_23413/3.jpg

Inserito nel dipartimento del Volturno con la nascita della Repubblica partenopea, il territorio conobbe le scorrerie dei briganti: i comuni delle Mainarde erano, insieme a quelli matesini, i più pericolosi dell’intera regione per la ferocia ed il numero dei malviventi che vi avevano trovato rifugio.

cms_23413/4.jpg

Il comune fu inserito nel 1807 nel distretto di Piedimonte, governo di Colli, insieme al territorio del comune di Castellone al Volturno, nel cui circondario fu trasferito con le riforme del 1811; dal 1928 al 1934 la circoscrizione amministrativa incorporò anche il comune di Pizzone.

cms_23413/5.jpg

Un Regio Decreto del 27 marzo 1849 dichiarava il comune autonomo a partire dal 1 gennaio 1850; un successivo Decreto Luogotenenziale del 17 febbraio 1861 lo aggregò al Molise, assegnandolo al circondario di Isernia.

cms_23413/6.jpg

Tra i monumenti di maggior rilievo, oltre naturalmente a quello scrigno di storia che è l’Abbazia di San Vincenzo al Volturno, merita di essere ricordata la chiesa parrocchiale del Duecento.

Diana Filippi

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos