IRAN:VIOLENTE REPRESSIONI E DIVERSI MORTI

IRAN,PROTESTE_NELLE_CITTA_VIOLENTE_REPRESSIONI_E_DIVERSI_MORTI.jpg

cms_28343/1.jpgMigliaia di persone hanno partecipato a manifestazioni di protesta ieri sera in almeno 23 città dell’Iran. In molti posti sono state imposte restrizioni all’uso di Internet, ma arrivano notizie di violente repressioni e diversi morti.

Testimoni a Teheran riferiscono che la gente ha manifestato sempre più "senza paura", mentre dalla provincia arrivano racconti di scene "da guerra civile". Gli attivisti anti regime avevano convocato una protesta a livello nazionale fra martedì e giovedì, per commemorare il "novembre di sangue" del 2019 quando centinaia di persone vennero uccise nella violenta repressione delle manifestazioni.

Manifestanti avrebbero dato alle fiamme la casa museo del fondatore della Repubblica Islamica, ayatollah Ruhollah Khomeini, nella sua città natale di Khomein. Lo riferisce al Arabiya, citando immagini apparse sui social.

In un video girato a Teheran, la folla urla slogan contro i leader religiosi. "Questo è l’anno del sangue, verrà rovesciato", si sente gridare, in riferimento al leader supremo Ali Khamenei, successore di Khomeini. Secondo l’agenzia stampa semi ufficiale iraniana Fars, cinque membri delle forze di sicurezza sono morti durante le proteste di ieri.

Testimoni a Teheran riferiscono che la gente ha manifestato sempre più "senza paura", mentre dalla provincia arrivano racconti di scene "da guerra civile". Gli attivisti anti regime avevano convocato una protesta a livello nazionale fra martedì e giovedì, per commemorare il "novembre di sangue" del 2019 quando centinaia di persone vennero uccise nella violenta repressione delle manifestazioni.

Manifestanti avrebbero dato alle fiamme la casa museo del fondatore della Repubblica Islamica, ayatollah Ruhollah Khomeini, nella sua città natale di Khomein. Lo riferisce al Arabiya, citando immagini apparse sui social.

In un video girato a Teheran, la folla urla slogan contro i leader religiosi. "Questo è l’anno del sangue, verrà rovesciato", si sente gridare, in riferimento al leader supremo Ali Khamenei, successore di Khomeini. Secondo l’agenzia stampa semi ufficiale iraniana Fars, cinque membri delle forze di sicurezza sono morti durante le proteste di ieri.

Redazione Esteri

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram