IN ITALIA ULTERIORI 17.246 CONTAGI E ALTRI 522 MORTI

I dati dalle Regioni. Crisanti: "Lockdown di 4 settimane per vaccinazione efficace"

15_1_2021.jpg

cms_20640/4.jpg

cms_20640/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 17.246 contagi e altri 522 morti

Sono 17.246 i nuovi contagi di coronavirus in Italia, secondo i dati del bollettino della Protezione Civile pubblicato sul sito del ministero della Salute. Si registrano altri 522 morti, per un totale di 80.848 vittime dall’inizio dell’emergenza. Il totale dei casi sale invece a 2.336.279. Nelle ultime ore sono stati eseguiti ulteriori 160.585 tamponi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.557. Il tasso di positività è del 10,7%.

cms_20640/0.jpg

I dati dalle Regioni

VENETO - Sono 2.076 i nuovi contagi e 101 morti registrati in Veneto nelle ultime ore, secondo il bollettino della Regione. Il totale dei decessi nella regione dall’inizio dell’emergenza sale così a 7.684, mentre quello dei casi a 291.719. Gli attualmente positivi sono 81.970, inclusi 336 pazienti che si trovano in terapia intensiva. Nelle ultime ore sono stati effettuati 19.063 tamponi.

LOMBARDIA - La regione Lombardia registra l’incremento quotidiano più alto dei nuovi casi di Coronavirus: sono 2.587, per un totale di 508.224 dall’inizio dell’emergenza. Si registrano altri 72 morti. Il bilancio delle vittime dall’inizio della pandemia sale così a 26.026. Sono 56.100 gli attualmente positivi, inclusi 468 ricoverati in terapia intensiva. Nelle ultime ore sono stati eseguiti 28.645 tamponi.

LAZIO - Sono 1.816 i nuovi contagi da Coronavirus nel Lazio secondo il bollettino reso noto. Sono stati registrati altri 47 morti di Covid. "Rt di poco sopra l’uno, ci attendiamo il Lazio in zona arancione", ha detto l’assessore regionale alla Sanità e all’Integrazione Sociosanitaria Alessio D’Amato.I guariti sono stati 2.012. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 12% ma se si considerano anche gli antigenici la percentuale scende a 5%. I casi a Roma città tornano a quota 900.

PUGLIA - Sono 1.524 i contagi da coronavirus oggi in Puglia resi noti dalla regione. Nelle ultime ore sono stati registrati 24 morti. Tra i nuovi casi positivi, 445 sono in provincia di Bari, 87 in provincia di Brindisi, 128 nella provincia BAT, 280 in provincia di Foggia, 138 in provincia di Lecce, 450 in provincia di Taranto.

EMILIA ROMAGNA - Sono 1.515 i nuovi casi e 70 i morti registrati in Emilia Romagna nelle ultime ore. Sono stati eseguiti ulteriori 15.033 tamponi. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 10%. La situazione dei contagi nelle province vede Modena con 311 nuovi casi, Bologna (279), Reggio Emilia (233); poi Rimini (129), Ravenna (127), Piacenza (110), Ferrara (110); quindi Parma (81), il territorio di Cesena (64), Forlì (41) e infine Imola (30).

SICILIA - Sono 1.867 i nuovi casi di Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime ore su un totale di 10.737 tamponi. Secondo il bollettino, nell’isola si sono registrati anche 36 morti e sono 1.643 i pazienti dimessi o guariti. In totale sono 44.865 i positivi, di cui 1.397 ricoverati in regime ordinario, 205 in Terapia intensiva e 43.263 in isolamento domiciliare.

CAMPANIA - Sono 1.294 i positivi al coronavirus nella Regione Campania secondo il Bollettino ordinario dell’unità di crisi, di cui: 1.167 asintomatici, 127 sintomatici, per un totale di 203.846. Sono 41 i morti nelle ultime ore, 10 deceduti nelle ultime 48 ore e 31 deceduti in precedenza ma registrati ieri, per un totale di 3.298 deceduti da inizio emergenza. I guariti sono 760 arrivando a un totale di 127.766. Gli Ulteriori tamponi effettuati sono 13.728 per un totale di 2.194.673. Secondo il report posti letto su base regionale sono: 656 i posti letto di terapia intensiva disponibili; 104 quelli di terapia intensiva occupati; 1365 i posti letto di degenza occupati e 3.160 quelli Covid e offerta privata.

TOSCANA - Sono 424 i nuovi contagi da Coronavirus in Toscana secondo il bollettino reso noto. Sono stati registrati altri 14 morti. Da inizio epidemia i decessi sono stati 126.564. I nuovi casi sono lo 0,3% in più rispetto al totale precedente. L’età media dei 424 nuovi positivi odierni è di 48 anni circa (il 12% ha meno di 20 anni, il 25% tra 20 e 39 anni, il 34% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, il 10% ha 80 anni o più).

PIEMONTE - L’Unita’ di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 889 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 139 dopo test antigenico), pari al 5,4% dei 16.408 tamponi eseguiti, di cui 9.279 antigenici. I ricoverati in terapia intensiva sono 172. I ricoverati non in terapia intensiva sono 2575. Le persone in isolamento domiciliare sono 11.994. I tamponi diagnostici finora processati sono 2.193.089, di cui 964.808 risultati negativi. Sono 21 i decessi di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, di cui 3 verificatisi ieri. Il totale è ora di 8.299 deceduti risultati positivi al virus.

CALABRIA - Le persone risultate positive al Coronavirus in Calabria sono 28.022 , quelle negative 423.765. Sono questi i dati relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dal dipartimento Tutela della Salute.

FRIULI VENEZIA GIULIA - In Friuli Venezia Giulia su 7.969 tamponi molecolari sono stati rilevati 705 nuovi contagi ai quali si aggiungono 100 casi già risultati positivi al tampone antigenico nei giorni scorsi e confermati da test molecolare, con una percentuale di positività del 10,1%. Sono inoltre 1.804 i test rapidi antigenici realizzati e in cui sono stati rilevati 480 nuovi casi (26,6%). I decessi registrati sono 23, ai quali si aggiungono 2 morti pregresse afferenti al periodo tra il 5 e il 7 gennaio 2021. I ricoveri nelle terapie intensive scendono a 68 mentre quelli in altri reparti sono 668. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

cms_20640/vaccino_0.jpg
cms_20640/Andrea_Crisanti.jpgCrisanti: "Lockdown di 4 settimane per vaccinazione efficace"

Serve un lockdown "di 3-4 settimane" per una vaccinazione efficace contro il coronavirus. "In una situazione di trasmissione, vaccinare a rilento è un azzardo biologico", dice il professor Andrea Crisanti, ospite di Piazzapulita. "Più il virus si trasmette, più genera mutazioni. Si realizza la possibilità che alcune mutazioni siano resistenti al vaccino. Idealmente, bisognerebbe fare un lockdown, abbassare la trasmissione e vaccinare più gente possibile", afferma Crisanti analizzando il quadro della situazione. L’Italia ha avviato la campagna di vaccinazione da circa 20 giorni. Gli ultimi dati quotidiani fanno riferimento ad oltre 17mila nuovi casi.

"Vedo un problema di comprensione biologica: bisognerebbe abbattere la trasmissione, non è mai accaduto nella storia che si vaccini mentre c’è trasmissione. Bisogna ridurre i numeri dei positivi, è l’unico modo per evitare che si generino varianti resistenti. Serve un lockdown di 2 mesi? Basterebbe un reset di 3-4 settimane e vaccinare più persone possibili".

A chi propone di diluire l’intervallo tra la somministrazione delle due dosi di vaccino per garantire una prima infusione ad un numero maggiore di persone, Crisanti replica: "Penso sia irresponsabile. Questi vaccini sono stati approvati perché una serie di esperimenti hanno dimostrato che inducono una risposta immunitaria a distanza di 20-30 giorni. Se cambiamo il protocollo, rendiamo inutile il processo di approvazione. Siamo alla follia totale", dice Crisanti. "L’ente regolatore ha approvato il vaccino secondo la procedura, se decidiamo un approccio diverso vuol dire che la sperimentiamo sulle persone. Non si è mai visto al mondo...".

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos