IMPRESA ATALANTA! VINCE CONTRO L’AJAX (0-1) E STACCA IL PASS PER GLI OTTAVI

L’Inter, invece, pareggia (0-0) con lo Shakhtar ed esce dalla Champions League

IMPRESA_ATALANTA!_VINCE_CONTRO_L_AJAX__10_12_2020_CHAMPIONS.jpg

È stata solo parzialmente positiva la serata per le altre due squadre italiane impegnate nell’ultima giornata della fase a gironi di Champions League. Si qualifica, infatti, solamente l’Atalanta che compie un’altra impresa per il secondo anno successivo, mentre l’Inter esce non solo dalla Champions, ma anche dall’Europa League. Ai nerazzurri di Bergamo sarebbe bastato anche un pareggio per passare agli ottavi, ma alla fine ha addirittura vinto. La squadra di Conte, invece, ha creato le occasioni per poter vincere, ma un po’ di imprecisione sotto porta, un po’ di sfortuna e un ritmo non sempre elevato hanno determinato un’amara eliminazione per la terza stagione consecutiva.

In generale, però, il bilancio delle squadre italiane è da considerarsi più che positivo. Passano agli ottavi di finale, infatti, Lazio, Juventus e Atalanta, mentre è eliminata dalla Champions League la sola Inter.
Ajax-ATALANTA: 0-1

LA PARTITA - Con il 4-3-3 il tecnico dell’Ajax, Ten Hag, schiera: Onana; Mazraoui, Schuurs, Martinez, Tagliafico; Klaassen, Labyad, Gravenberch; Antony, Brobbey, Tadic. Con il 3-4-2-1, invece, l’allenatore dell’Atalanta, Gasperini, risponde con: Gollini; Toloi, Romero, Djimsiti; Hateboer, De Roon, Freuler; Gosens; Gomez, Pessina; Zapata.

cms_20273/2_Gasperini_fg_e_Ipa_ok.jpg

Allo ‘Johan Cruijff Arena’ di Amsterdam l’Atalanta di Gasperini vince e regala una nuova miracolosa impresa per il secondo anno consecutivo.

Eppure la gara, molto tattica, fatica a decollare soprattutto nel primo tempo. Le due squadre giocano a ritmi bassi e badano soprattutto a non scoprirsi, anche perché la posta in palio è davvero alta. Al di là di un paio di potenziali occasioni (una per parte), in effetti, non si registrano conclusioni nello specchio della porta degne di rilievo né da una parte, né dall’altra. Anche la ripresa parte un po’ a rilento, ma col passar dei minuti la partita cresce d’intensità. L’Atalanta (a cui potrebbe andar bene anche il pareggio) prende il comando del gioco, ma sbaglia sempre l’ultimo passaggio. Tuttavia è l’Ajax ad avere la prima vera occasione da gol. Klaassen (74’) si ritrova solo in area, ma la sua conclusione è incredibilmente deviata da un ottimo Gollini. Qualche minuto più tardi gli olandesi restano in dieci per l’espulsione di Gravenberch (79’). L’Atalanta allora ne approfitta. Muriel (85’), entrato pochi minuti prima, s’invola verso la porta avversaria, si libera con un dribbling del portiere e realizza il gol che chiude definitivamente il discorso qualificazione.

Alla luce dei risultati maturati nel Gruppo D, la classifica è ora la seguente: Liverpool (13), Atalanta (11), Ajax (7), Midtjylland (2). Si qualificano agli ottavi di finale, pertanto, Liverpool e Atalanta.

INTER-SHAKHTARDONETSK: 0-0

LA PARTITA - Con il 3-5-2 il tecnico dell’Inter, Conte, opta per: Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Gagliardini, Young; Lautaro, Lukaku.

Con il 4-2-3-1, invece, l’allenatore dello Shakhtar Donetsk, Castro, manda in campo: Trubin; Dodô, Bondar, Vitao, Matvienko; Stepanenko, Kovalenko; Tetê, Taison, Maycon; Marlos.

cms_20273/3_AntonioConte_Afp_ok.jpg

Allo stadio ‘Meazza’ di Milano parte subito molto forte l’Inter di Conte. Crea apprensione alla difesa avversaria e colpisce una clamorosa traversa con Martinez (6’). I nerazzurri continuano a comandare il gioco, ma fanno fatica a creare occasioni veramente pericolose anche perché lo Shakhtar gioca soprattutto in fase di contenimento. Il match si ravviva nel finale. Dodo (40’) ci prova dalla distanza per gli ospiti, mentre Martinez (41’) risponde di testa per i nerazzurri. In entrambi i casi parano abbastanza agevolmente i due portieri. Nella ripresa l’Inter schiaccia gli avversari nella propria metà campo e si rende subito pericolosa con un gran colpo di testa di Lukaku (53’) deviato in angolo dall’ottimo portiere Trubin. Risponde la squadra ucraina con Kovalenko (63’), ma la sua conclusione è parata da Handanovic.

L’Inter ci prova fino alla fine con Sanchez (85’) e Eriksen (92’), ma senza trovare il gol.

Alla luce dei risultati maturati in questo turno, la classifica del Gruppo B è ora la seguente: Real Madrid (10), Monchengladbach e Shakhtar Donetsk (8) e Inter (6).

Si qualificano agli ottavi di finale Real Madrid e Monchengladbach.

(Foto da adnkronos.com Afp, Fotogramma e Ipa - si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos