IL REAL MADRID PASSA AI QUARTI. FUORI ANCHE L’ATALANTA

Gasperini: “Quando regali questi gol diventa tutto più difficile. Avremmo potuto fare di più”.

IL_REAL_MADRID_PASSA_AI_QUARTI_FUORI_ANCHE_L’ATALANTA_CHAMPIONS.jpg

Dopo la Juventus esce dagli ottavi di finale di Champions League anche l’Atalanta, sconfitta per 3-1 dal Real Madrid nella gara di ritorno. In realtà c’era cauto ottimismo attorno alla sfida di Madrid anche perché la Dea – sempre in questa competizione - veniva da cinque vittorie consecutive in trasferta. All’andata, inoltre, nonostante l’uomo in meno, la squadra di Gasperini aveva dimostrato di poter reggere il confronto soccombendo solo alla fine per una giocata di Mendy.

Ma il Real Madrid, anche se non sembra essere più quello degli anni migliori, resta pur sempre una squadra cinica e di esperienza in grado di castigare qualsiasi squadra al primo errore. Cosa accaduta puntualmente anche con l’Atalanta.

Nonostante l’eliminazione, tuttavia, la Dea esce a testa alta dalla Champions League dimostrando di essere una realtà non solo del calcio italiano, ma anche europeo. Ha disputato una buona partita, giocata con personalità, ma si è dovuta piegare alla superiorità e alla qualità e velocità degli avversari.

cms_21290/2_Gasperini_fg_e_Ipa_ok.jpg

Rifarei tutto - ha dichiarato il tecnico dell’Atalanta, Gasperini, ai microfoni di Sky Sport – ma i primi due gol hanno compromesso la qualificazione che sarebbe stata già difficile. Quando regali questi gol diventa tutto più complicato. Diciamo che ci abbiamo messo del nostro, ma sono comunque esperienze fantastiche per tutti perché vedi il livello dei giocatori internazionali. Ci sono state, però, queste due partite che lasciano l’amaro in bocca. Avremmo potuto fare di più. Ora ci rimane il campionato che è molto equilibrato e poi la finale di Coppa Italia”.

LA PARTITA IN BREVE

Con il 3-5-2 l’allenatore del Real Madrid, Zidane, manda in campo: Courtois; Varane, Sergio Ramos, Nacho; Vazquez, Valverde, Kroos, Modric, Mendy; Benzema, Vinicius. Con il 3-4-2-1, invece, il tecnico dell’Atalanta, Gasperini, schiera: Sportiello; Toloi, Romero, Djimsiti; Maehle, De Roon, Pessina, Gosens; Pasalic, Malinovskyi; Muriel.

Primo tempo sostanzialmente equilibrato tra due squadre che cercano la via del gol. Parte subito forte l’Atalanta che sfiora il gol con Gosens (3’). Ma col passar del tempo il Real guadagna campo e, al primo vero tiro in porta, passa in vantaggio con Benzema (34’) complice una grave disattenzione difensiva. Nella ripresa, nel tentativo di pareggiare la gara, la Dea lascia ampi spazi ai blancos che raddoppiano con Sergio Ramos (60’) dal dischetto. La gara si accende. Zapata (66’ e 75’) impegna Courtois, mentre sul fronte opposto il Real va vicinissimo al terzo gol con Benzema (68’) fermato prima da Sportiello e poi dal palo. La Dea non si dà per vinta e così accorcia con Muriel (83’) direttamente su punizione, ma pochi minuti dopo gli spagnoli vanno ancora a segno con Asensio (85’) e chiudono definitivamente il discorso qualificazione.

(Foto da adnkronos.com Ipa e Fotogramma - si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos