IL MOSE FINALMENTE IN FUNZIONE

L’impianto sembra proteggere adeguatamente la Laguna

1601759834Copertina.jpg

Il Mose è un progetto ingegneristico nato nel 1966 a seguito del disastro ambientale che immerge la città di Venezia con una marea di 194 centimetri di acqua, ricercando una soluzione pratica ed efficace al problema. Dopo un appalto senza fine il piano passa nelle mani del Consorzio Venezia Nuova e nel 2003 comincia la progettazione che, come al solito, incontra delle difficoltà di non poco conto. Infatti, da un lato gli ambientalisti si oppongono apertamente alla prosecuzione del progetto temendo l’inquinamento del mare con conseguente moria dell’ecosistema lagunare; dall’altro, la corruzione imperversa. Perciò vengono presentati vari ricorsi e parte una indagine da parte della Guardia di Finanza che nel 2013 e nel 2014 accerta una frode fiscale, tangenti incontrollate e finanziamenti illeciti con una raffica di condanne.

cms_19333/Foto_1.jpg

Nonostante questo, il progetto continua con un costo complessivo inizialmente stimato di circa 7 miliardi di lire e ad oggi conclusosi con quasi 6000 milioni di euro. Attualmente, dopo 17 anni, il Mose finalmente funziona tutelando la laguna e i suoi abitanti dalle inondazioni di acqua. Si tratta essenzialmente di un insieme di 78 paratie in calcestruzzo disposte l’una accanto all’altra a mo’ di barriera e suddivise in 3 bocche: la bocca di porto Lido, la bocca di Malamocco e la bocca di porto di Chioggia.

cms_19333/Foto_2.jpg

Le paratie sono poste sul fondale marino e si innalzano tramite un sistema che spinge aria compressa nel sistema svuotandolo di acqua e spostandolo verso l’alto, ruotando su una cerniera. Le piogge degli ultimi giorni in assenza del Mose avrebbero allagato la laguna, invece Piazza San marco è asciutta e i suoi cittadini finalmente soddisfatti. Almeno per il momento.

Alessia Gerletti

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram