IL MARTIRIO DI UN POPOLO

Le parole del Papa affinché non si spengano i riflettori sulla guerra in Ucraina

Udienza_Generale_Martirio_di_un_Popolo.jpg

cms_26443/011562022.jpg“Per favore, non dimentichiamo il popolo martoriato dell’Ucraina in guerra. Non abituiamoci a vivere come se la guerra fosse una cosa lontana”. Appare come un fiume in piena Francesco, che non riesce a darsi pace. Bergoglio si è spinto oltre la soglia della diplomazia, perché dinanzi a tanto orrore ogni protocollo cessa di esistere. La banalità del male si identifica nell’indifferenza della politica, che ha svenduto la sua vocazione sociale per il potere. Nella storia della Chiesa, tutti i pontefici hanno agito tramite canali riservati, cercando di ristabilire l’equilibrio attraverso il potere. Questa formula vincente nel passato non trova riscontri positivi nel presente, tempo in cui lo stesso Papa rischia di essere bollato come “pacifista”. Infatti, gli attacchi di Francesco alla Nato sono stati duri e precisi, ma si sono scontrati con la censura della stampa italiana. Francesco è a tutti gli effetti un capo di stato, e in quanto tale ha il dovere morale di dire la sua, senza alcun tipo di pressione. La guerra semina terrore e disperazione; proprio per questo, il continuo invio di armi all’Ucraina risulta un martirio non richiesto. Il tempo passa e ogni giorno riflette un abisso di disumanità gratuita, come evidenziato da Francesco: “È sempre vivo nel mio cuore il pensiero per la popolazione ucraina, afflitta dalla guerra. Il tempo che passa non raffreddi il nostro dolore e la nostra preoccupazione per quella gente martoriata”. Il rischio concreto di un disinteresse generale è molto alto, perché dopo le immagini e i racconti struggenti la frenetica quotidianità torna a prendere il sopravvento.

cms_26443/Foto_1.jpg

Ad oggi registriamo nuovi morti, e molti altri lasceranno questo mondo in nome del potere. In guerra il potere persuasivo della propaganda è altissimo da ambo le parti, per questo è fondamentale tentare ogni sforzo per arrivare alla pace.

La preghiera ha la sua funzione, ma il Pontefice ci fa intuire che è giunto il momento di urlare la verità per arrivare ad un accordo.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram