IL FENOMENO DELL’ECO-ANSIA NELLE NUOVE GENERAZIONI

Ne parla anche l’American Psychological Association. Colpiti specialmente i nati tra il 1995 e il 2010

IL_FENOMENO_DELL_ECO-ANSIA_NELLE_NUOVE_GENERAZIONI.jpg

Il cambiamento climatico si è trasformato in una minaccia esistenziale per molti giovani: la sua ombra oscura e l’incapacità dei governi di agire per arginarlo stanno iniziando ad avere un impatto negativo sulla loro salute mentale.

Gli psicologi definiscono questo fenomeno generazionale “eco-ansia” o “depressione climatica”. L’American Psychological Association (APA) lo definisce "un disturbo psico-fisico che corrisponde alla “paura cronica del disastro ambientale”.

Anche se fa parte della famiglia dei disturbi d’ansia, l’eco-ansia non è ancora stata ufficialmente riconosciuta e inserita all’interno del manuale diagnostico dei disturbi mentali. I soggetti maggiormente esposti sono i ragazzi della generazione Z (i nati tra il 1995 e il 2010).

L’eco-ansia non va banalizzata, ma al contrario bisognerebbe validarla ed accoglierla, mettendo in pratica comportamenti pro-attivi che possano farci sentire utili alle cause che ci stanno a cuore. Se, infatti, si considera che è innescata da una minaccia reale, questo tipo di ansia può essere interpretata come un fenomeno fisiologico con una importante valenza evoluzionistica e protettiva della specie.

cms_28044/Foto_1.jpeg

I giovani di oggi sono coloro che erediteranno il mondo di domani. Insegnare a prendersi cura del pianeta introducendo concetti complessi, come quello dell’energia rinnovabile, può essere sicuramente una sfida difficile ma significativa. Comunicare il cambiamento climatico e coinvolgere tutti nella risposta a questa crisi significa avere ancora fiducia nella nostra capacità di reagire. Utilizzare nuovi strumenti all’avanguardia di comunicazione per arrivare ai giovani è sicuramente una strategia vincente.

cms_28044/Foto_2.jpeg

Un esempio innovativo è il progetto presentato dalla scrittrice bestseller di Storie della buonanotte per bambine ribelli, Francesca Cavallo. Si tratta di “Scintille”, un podcast immersivo destinato a ragazzi e adolescenti che affronta e racconta in sei episodi i modi in cui viene prodotta l’energia, sensibilizzando gli ascoltatori a prendere parte a questa sfida globale che l’umanità sta affrontando. Una scelta vincente, visto che i podcast rappresentano uno dei canali privilegiati dalle nuove generazioni, perfetti per comunicare con immediatezza e facilità a diversi target di riferimento.

Marlen Cirignaco

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram